non: restarne influenzati

  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 156.[Articolo II:-: I Cristiani Devono Essere Evitati:-:Perchè Sono Immondi. Non si sa quanto spesso l'ebreo debba lavarsi: e: purificarsi, e: nemmeno quanto debba studiare per evitare tutto: ciò, che, può contaminarlo. Il Talmud insegna, comunque, che, i cristiani sono persone il cui semplice contatto tattile rende le cose immonde. Nell'Abhodah Zarah (72b) si legge: "Un certo: uomo stava versando del vino da un contenitore ad un altro per mezzo di: un tubo, quando un Goi venne: e: toccò il tubo con: la mano. Il risultato fu, che, tutto: il vino (di: entrambi i contenitori) dovette essere gettato via. " Tutti, i recipienti, perciò, devono essere lavati se l'ebreo l'ha acquisito da un cristiano, anche, se: non: è mai stato usato.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 157. [Nello Iore Dea (120,1) si dice:"Se un ebreo compra da un Akum: (cristiano) un recipiente per usarlo: a: tavola, sia, che, sia fatto di: metallo, di: vetro o: di: piombo, anche, se è nuovo, lo dovrà lavare in un Mikvah (grande catino), o: in una cisterna, che, tenga quaranta quarti d'acqua.". Articolo III. I Cristiani Devono Essere Evitati:-:Perché Sono Idolatri. 1. AFFINCHÈ l'ebreo: non: diventi occasione di: peccato per il cristiano idolatro, secondo il precetto di: Levit.XIX,14: Non porre una pietra d'inciampo davanti: al cieco:-: egli dovrà evitare tutti i contatti con: essi nei loro giorni di: culto ai loro dei. Nell'Abhodah Zarah(2a) si dice:
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 158. ["Non è permesso comperare o: vendere loro alcunchè nei tre giorni, che, precedono le loro feste idolatri, che, è anche, proibito concedere o: accettare aiuto da loro, scambiare denaro con: loro, rimborsare loro un prestito o: permettere loro di: rimborsare i loro prestiti." Nell'Abhodah. Zarah,78c (il Perusch di: Maimonide, fol. 8), si dice: "Tutte le feste dei seguaci di: Gesù sono proibite, e: noi dobbiamo comportarci nei loro confronti come faremmo con: gli idolatri. Il primo giorno della settimana è la loro festa principale, ed è perciò proibito intrattenere, nel loro giorno di: sabato, qualsiasi contatto d'affari con: coloro, che, credono in Gesù.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 159.[Riguardo il loro sabato, noi dobbiamo osservare le stesse regole, che, osserviamo per le festività degli idolatri, come insegna il Talmud. " 2. L'EBREO NON DEVE USARE ALCUNA COSA CHE RIGUARDI IL CULTO DEI CRISTIANI. Nello Iore Dea (139,1) si dice: "è proibito avere: a: che, fare con: gli idoli: e: con: qualsiasi cosa venga usata per il loro tipo di: culto, sia, che, sia fatta dagli Akum (cristiano) o: dagli ebrei. " 3. è PROIBITO VENDERE AI CRISTIANI QUALSIASI COSA CHE SERVA PER IL LORO CULTO IDOLATRICO. Nell'Abhodah Zarah (14b, Toseph) si dice: "è sempre proibito vendere incenso ad un prete idolatra, infatti è evidente, che, quando egli lo chiede, lo vuole per il solo scopo di: offrirlo al suo idolo.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 160. [Perciò, chiunque glielo venda, pecca contro il precetto, che, ci proibisce di: porre una pietra d'inciampo davanti al cieco. è anche, proibito vendere candele ai gentili per la loro Festa delle Candele. Le candele comunque: possono essere loro vendute negli altri giorni. Nè è permesso vendere un calice ad un gentile, che, l'ebreo abbia comprato dopo, che, è stato rotto: e: gettato: via da un Goi. è permesso rivenderlo ad un gentile dopo, che, sia stato: completamente rifatto. Infatti, dopo, che, è stato rotto una sola volta, esso: può essere ancora usato per contenere il vino, che, offrono in onore del loro: idolo."
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 161. [Segue poi la proibizione circa, la vendita di: libri ai preti: cristiani, come abbiamo visto sopra. Anche, il lavoro di: rilegare tali libri è proibito per gli ebrei. Nello Iore Dea (139,15) si dice: "è proibito rilegare i libri degli Akum (cristiano), con: l'eccezione dei libri di: legge. è permesso, comunque, se il rifiuto do farlo dovesse causare ostilità, ma, solo dopo, che, ogni sforzo sia stato fatto per rifiutare tale lavoro. " Similmente, nello Iore Dea (151,1, Hagah): "Non è permesso vendere acqua ad un Akum (cristiano) se si sa, che, verrà usata come acqua battesimale. " Si fa menzione anche, di: molte: altre cose, che, è proibito vendere ai cristiani,
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 162. [come: stoffa, che, possa essere usata per confezionare vestimenti: sacerdotali: e: bandiere; carta: e: inchiostro, che, possa essere usata per scrivere libri riguardanti il loro culto. è proibito vendere, o: anche, dare in affitto, ai cristiani case, che, verranno usate come luoghi di: culto. Oggigiorno, comunque, gli ebrei commerciano con: i cristiani specialmente nei giorni delle feste cristiane: e: vendono loro delle case ben sapendo, che, certi sacramenti verranno amministrati in esse, come il Battesimo, la Santa Comunione: e: l'Estrema Unzione. Il Talmud: non: può dare nessuna spiegazione di: ciò, e: nell'Abhodah Zarah (2a, Toseph) si dice:
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 163. ["è difficile dire con: quale diritto gli ebrei oggigiorno: commercino con: i Goim nei loro giorni (malvagi) di: festa. Infatti, sebbene molti di: essi commettano tutti i tipi di: perversione: e: atti licenziosi nei loro giorni di: festa in onore di: santi, che: non: considerano dei, eppure ogni: settimana essi celebrano il Giorno del Nazzareno ((Domenica)), che, ci è sempre stato proibito. "Bartenora, comunque, nel suo commentario sull'Abhodah Zarah (I,2,fol.7b) dice: "Dato, che, mentre siamo in cattività: non: possiamo vivere senza commerciare con: loro: e: dipendiamo da loro per il nostro nutrimento, e: dobbiamo temerli, è proibito commerciare con:
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 149. [PART II. The precepts of the TALMUD CONCERNING CHRISTIANS. From what has been proved right "now, it seems clear that, according to the insegmamento the Talmud, Christians are idolaters: and: bound to hate the Jews. Consequently, every jew, who would like to visit pleasure in God's duty to: observe precepts, which were transmitted to the Fathers of their race when they lived in the Holy Land: and: that concerning the Gentiles idolaters, and those, who lived among: them, that those, who lived in neighboring countries. The jew so it must: (1) Avoid the Christians, (2) Doing it all: this, that can to exterminate them.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 150. [CHAPTER I: THE CHRISTIANS MUST BE AVOIDED: The Jews must: avoid all contact with: Christians for four reasons: (1) Why not: are worth: to participate in Jewish life, (2) Why are unclean, (3) Why are idolaters, (4) Why are murderers. ARTICLE I: -: The Christians Must be avoided: -: Why are unworthy to: Participate in Jewish custom. The jew, because of: belong to the chosen race: and:: to have circumcised, possesses such a dignity that no one, not even an angel, he may be the same. In fact, he is considered almost the same: to: God "He who strikes an Israelite" says Rabbi Chanina "schaffeggiasse acts as if the face of the Divine Majesty: God"
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 151. [The jew is always considered good, in spite of certain sins, who can commit, nor can his sins contaminate more than: as the dirt can contaminate the kernel of walnut, but only his dirty shell. Only the jew is considered a man, the whole world belongs to him: and that all things should care for him, especially "animals which have the form of: men.." is therefore clear that they regard all contact with contaminants: Christians, as deducted from their dignity. Therefore they must be held according to their law as far away as possible from all who live: and: act like Christians do.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 152. [1. The JEW MUST NOT HEALTHY CHRISTIAN: In Gittin (62a), it is said: "The jew: no: it must never enter the house: a Nokhri of: day of: party to greet him. However, if it meets the road, will greet him, but, briefly: and:: China head. "2. THE JEW MUST NOT returned the greeting: THE CHRISTIAN. In Iore Dea (148.10) it says: "The jew: no: it must return: the greeting of bowing Christian: to: him. So it is good to greet him: first, thus avoiding: to respond in the event that, the Akum (Christian) say hello first. "Rabbi Kohana says that when a jew greets a: Christian: he must first say. "" Peace to my Lord, "meaning: what his rabbi. In fact:
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 153. [The Tosephoth says: "Because his heart turned to her: a rabbi." 3. The JEW MUST NOT COME BEFORE A CHRISTIAN JUDGE .. In Choschen Hammischpat (26.1) is said Jew is not: it is allowed to bring her: the case in the courts Akum (Christian), even if the issue were: judged by the decisions of Jewish law, and: also, if both sides would agree to: abide: to: those decisions. One who does so is: wicked: and: like one who, slander: and: blasphemy: and: that, raise your hand: against the law passed: a: us by Moses, our great legislator. The Hagah says: "The Bethin has the power: to excommunicate this person: to: that he not: free his brother from the hands of the Gentiles jew. "
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 149. [PARTE II. I PRECETTI DEL TALMUD CHE RIGUARDANO I CRISTIANI. Da quanto è stato dimostrato fin"ora, appare chiaro, che, secondo l'insegmanento: del Talmud, i cristiani sono idolatri: e: tenuti in odio agli ebrei. Di conseguenza, ogni ebreo, che, deisera piacere: a: Dio ha il dovere di: osservare: i precetti, che, furono trasmessi ai Padri della loro razza quando vivevano in Terra Santa: e: che, riguardano i gentili idolatri, sia quelli, che, abitavano: fra di: loro, che, quelli, che, abitavano in paesi vicini. L'ebreo perciò deve: (1) Evitare i cristiani; (2) Fare tutto: ciò, che, può per sterminarli.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 150. [CAPITOLO I: I CRISTIANI DEVONO ESSERE EVITATI: Gli ebrei devono: evitare tutti i contatti con: i cristiani per quattro motivi: (1) Perchè: non: sono degni di: partecipare alla vita ebraica; (2) Perchè, sono immondi; (3)Perchè sono idolatri; (4) Perchè sono assassini. Articolo I.:-: I Cristiani Devono Essere Evitati:-:Perchè Sono Indegni di: Partecipare ai Costumi Ebraici. L'ebreo, per il fatto di: appartenere alla razza eletta: e: di: essere: circonciso, possiede una tale dignità, che, nessuno, nemmeno un angelo, può essergli uguale. Infatti, egli viene considerato quasi uguale: a: Dio. "Colui, che, colpisce un israelita" dice: il rabbino Chanina "agisce come se schaffeggiasse la faccia della Divina Maestà di: Dio. "
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 151. [L'ebreo è sempre considerato buono, nonostante certi peccati, che, possa commettere; né possono i suoi peccati contaminarlo, più di: quanto la sporcizia possa contaminare il gheriglio della noce, ma, sporca solo il suo guscio. Solo l'ebreo è considerato un uomo; l'intero mondo gli appartiene: e: tutte le cose lo devono servire, specialmente: "gli animali, che, hanno forma di: uomini. ". è perciò chiaro, che, essi considerano contaminanti tutti i contatti con: i cristiani, in quanto detraggono dalla loro dignità. Perciò essi devono secondo la loro legge tenersi il più lontano possibile da tutti coloro, che, vivono: e: agiscono come fanno i cristiani.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 152. [1. L'EBREO NON DEVE SALUTARE IL CRISTIANO: Nel Gittin, (62a), si dice: "L'ebreo: non: deve mai entrare nella casa di: un Nokhri di: giorno di: festa per salutarlo. Comunque, se lo incontra per la strada, potrà salutarlo, ma, brevemente: e: a: testa china. "2. L'EBREO NON DEVE RICAMBIARE IL SALUTO DEL CRISTIANO. Nello Iore Dea (148,10) si dice: "L'ebreo: non: deve ricambiare: il saluto del cristiano inchinandosi davanti: a: lui. è bene perciò salutarlo: per primo, evitando così di: rispondere in caso, che, l'Akum (cristiano) lo saluti per primo. "Il rabbino Kohana dice: che, quando un ebreo saluta un cristiano: egli deve prima dire"."Pace al mio Signore," intendendo con: ciò il suo rabbino. Infatti:
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 153. [ il Tosephoth dice: "Perchè il suo cuore si rivolgeva al suo: rabbino."3. L'EBREO NON DEVE PRESENTARSI DAVANTI AD UN GIUDICE CRISTIANO.. Nel Choshen Hammischpat (26,1) si dice: All'ebreo: non: è permesso portare il suo: caso davanti ai giudici Akum (cristiano), anche, se la questione venisse: giudicata secondo le decisioni della legge ebraica, e: anche, se entrambe le parti fossero d'accordo di: attenersi: a: tali decisioni. Colui, che, lo fa è: empio: e: simile ad uno, che, calunnia: e: bestemmia: e: che, alza la mano: contro la Legge trasmessa: a: noi da Mosè, il nostro grande legislatore. La Hagah dice: "Il Bethin ha il potere di: scomunicare questa persona fino: a: che, egli: non: liberi il suo fratello ebreo dalle mani dei gentili."
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    Talmud] 143. [Rabbi Jose, however, says: "In the days of: party names: the gods must be torn from the books of the Christians: and: hidden; what, remains to be burned. "But Rabbi Tarphon says:" To be able to remember my children, if those books should ever fall into the my hands, I would burn them together with: the names of deities, that contain it. In fact, if one is chased by a murderess or: by a snake, it is better to take refuge in a pagan temple, which, in one of them, in fact, the Christians knowingly resist the truth, while the pagans do unconsciously."
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 144. [5. PRAYERS: the prayers of Christians are called not: tefillah, but Tiflah. Moving the point is: the insertion of: Iod, changes the meaning of the word, it becomes sin, foolishness: and: transgression. 6. CHRISTIAN FESTIVALS: The Christian festivals, especially Sunday, are called: IOM AND: -: day of destruction, destruction, or misfortune: calamity. They are also, simply call: IOM Notsri, day Christians. And the word, properly interpreted, means: bad luck or: disasters, as appears from the Gemara: and: from glossaries: Maimonides nell'Abhodah Zarah (2a):
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 145. ["The word Edehem: means: a party of Christians, given that it is written (in Deuter. Xxxii, 35): the day of their calamity." Also, Maimonides, nell'Abhodah Zarah, says: "The word is Edehem: a: ​​signify the folly of their parties. Is the name of their party. Is the name of their despicable day: celebration, which do not: they deserve the name: Moedim, as they are very vain: and: perverse. "Also, Bartenora writes:" The word is Edehem, the name of their party ingnominevoli: and: solemnity. "Also, the notes: a: margin Tosephoth give this name to the Christian holidays. So nell'Abhodah Zarah (6a):
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 146. ["The Day of Evil, that is the day Christians, we are forbidden as well as all their other day: the party." Some Christian festivals are indicated by name, as the feast of Christmas: and: Easter. Moses Mikkozzi, riferiemnto doing the above text of 'Abhodah Zarah, says: "The rabbi said Sammuel, in the name of: Solomon IARC, which, especially the holidays: Christmas and Easter, which are their most important day of evil: e: foundation of their religion, are prohibited. "Maimonides, in Hilkhoth Akum (Christian) (ch. IX) says the same thing:" Sammuel repeats the words of Rabbi Sal. IARC, which prohibit us in particular:
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 147. [Celebrate the holidays: Christmas and Easter, which are celebrated: at: because: one, that was hanged. "In addition, indications of impiety of the Jews are the names that they give a: these Christian holidays. In fact, instead of: using Tab, for the word Nithal, they often write Tet and: the Nikon call: instead of the Latin word Natalis, the Feast of the Nativity. They do so, which, it seems, that this word is derived from the root Natal, that, denoting extermination or: destruction. Similarly, they refuse to: use the word Paschal (Pesach) for the Christian holiday: Easter. They replace: Koph to Phe: and: insert the letter iod: and: call: or Ketsach: Kesach.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 148. [Both: the perverse judgments have meaning. Ketsach: Katsah comes from the root, which means: to amputate or: cut off, and: Kesach: comes from the root: Jesa, which means wood or: fork. They do this because, celebration: Easter is celebrated by Christians in memory of Christ the man, who was hung - which was set: to: died: and: from the dead.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 143. [Il rabbino Jose, comunque, dice: "Nei giorni di: festa i nomi: della divinità dovranno essere strappati dai libri dei cristiani: e: nascosti; ciò, che, rimane dovrà essere dato alle fiamme. " Ma il rabbino Tarphon dice: "Per potere ricordato dai miei figli, se quei libri dovessero mai cadere nelle mie mani, io li brucerei assieme con: i nomi della divinità, che, contengono. Infatti, se uno è inseguito da un assassino o: da un serpente, è meglio: rifugiarsi in un tempio pagano, che, in uno dei loro; infatti, i cristiani: resistono scientemente alla verità, mentre, i pagani lo fanno inconsapevolmente."
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 144. [5. PREGHIERE: Le prechiere dei cristiani sono chiamate: non: Tefillah, ma, Tiflah. Lo spostamento del punto: e: l'inserimento di: Iod, cambia il significato della parola, che, diventa peccato, stoltezza: e: trasgressione. 6. FESTE CRISTIANE: Le feste cristiane, specialmente la domenica, sono chiamate: Iom ED:-: giorno di: distruzione, perdizione, sfortuna o: calamità. Sono anche, semplicemente chiamate: Iom Notsri, giorni cristiani. La parola Ed, interpretata correttamente, significa: sfortuna o: calamità, come appare dalla Gemarah: e: dai glossari di: Maimonide nell'Abhodah Zarah (2a):
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 145. ["La parola Edehem: significa: le feste dei cristiani, dato, che, sta scritto (in Deuter. XXXII,35): i giorni della loro calamità. " anche, Maimonide, nell'Abhodah Zarah, dice: "La parola Edehem sta: a: significare la stoltezza delle loro feste. è il nome delle loro feste. è il nome dei loro spregevoli giorni di: festa, che: non: meritano il nome di: Moedim, in quanto sono veramente vani: e: perversi. " Anche, Bartenora scrive:"La parola Edehem è il nome delle loro ingnominevoli feste: e: solennità. " Anche, le n
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 146. ["Il Giorno del Male, cioè il Giorno Cristiano, ci è proibito così, come tutti i loro altri giorni di: festa. " Alcune feste cristiane sono indicate per nome, come la festa di: Natale: e: Pasqua. Mosè Mikkozzi, facendo riferiemnto al testo summenzionato dell' Abhodah Zarah, dice: "Il rabbino: Sammuel dichiara, nel nome di: Salomone Iarchi, che, particolarmente le feste di: Natale: e: Pasqua, che, sono i loro più importanti giorni del male: e: il fondamento della loro religione, ci sono proibite. " Maimonide, nello Hilkhoth Akum (cristiano) (cap. IX) dice: la stessa cosa: "Sammuel ripete le parole del rabbino Sal. Iarchi, che, ci proibiscono in particolare di:
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 147. [celebrare le feste di: Natale: e: Pasqua, che, sono celebrate: a: causa di: colui, che, fu appeso. "Inoltre, indicazioni dell'empietà degli ebrei si trovano nei nomi, che, essi danno: a: queste feste cristiane. Infatti, in luogo di: usare Tav, per la parola Nithal, essi spesso scrivono Tet: e: lo chiamano Nital: al posto della parola latina Natalis, la festa della Natività. Essi fanno in modo, che, sembri, che, questa parola derivi dalla radice Natal, che, denota sterminio o: distruzione. Similmente, essi si rifiutano di: usare la parola Paschal (Pesach )per la festa cristiana di: Pasqua. Essi sostituiscono: Koph a Phe: e: inseriscono la lettera: iod: e: la chiamano: Ketsach o: Kesach.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 148. [Entrambe: le pronunce hanno un significato perverso. Ketsach: viene dalla radice Katsah, che, significa: amputare o: tagliar via, e: Kesach: viene dalla radice: Jesa, che, significa: legno o: forca. Fanno questo perché la festa di: Pasqua è celebrata dai cristiani in memoria di: Cristo colui, che, fu appeso --, che, fu messo: a: morte: e: risorse dai morti.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 138. ["At this point we can add this, that a certain Rabbi Kelomimis said about a Christian church (in the book: Nizzachon), Emperor Henry III, who gave him permission to: speak his opinion freely on the Basilica, which was built: to: Spires: "After that, the Emperor Henry III, a very wicked man, he had finished the construction of: abyss," he sent: to: to call the rabbi Kelominus: and: said: "I want to ask you how you think this basilica, which, I have built: a: comparison of the Temple: Solomon on which they were written: many volumes. "He said:" My Lord, if you let me: speak freely, and, if I swear: let me go unharmed, I will tell you the truth.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 139. ["The Emperor replied:" You have my word: a lover of truth: and: of: Emperor, who do not: you will be harmed. "Then the jew said:" If you should receive everything that, that you spent so far: and: you added the: a: all: the gold and the silver of your treasure, whatever: no: would not suffice: a: to pay the workers: and: the artisans, who employed Solomon, in fact, it is written (II Chron. Ch 2): And Solomon sent, that come out three dozen: and: ten thousand men to take weights, and: four Dozens much for cutting in the mountains, and, three thousand: and: sorvergliarli for six hundred.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 140. [Eight years were used for the construction of the Temple, many more than: those who have served: a: you for the building: this Tehom (abyss). And when Solomon had finished the temple, what you see, that the Scripture says to: About: it: The priests do not: they could be erected to give service: a: because of the cloud, in fact, the glory of God had filled the house of the Lord (Chron. II, Chapter 5.14). But if someone load a donkey: rotting garbage: and: in the lead: this abyss you, no one would notice the difference! "The Emperor Henry then replied:" If you do not: I had sworn to: let go unharmed, give orders, that you were beheaded. "" 3. GLASSES:
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 141. [The glasses used for the Sacrifice of the Mass are called by the name of the pottery, which is used to deliver dirt to idols. Moses Kozzensis, in Hilkoth Abhodah Zarah (10b) says: "The jew, who buys the Goi glasses, which have been broken: and: discarded: no: it can sell them: to: them, because the priest of Baal would use them for the worship of the idol. "4. BOOKS The Talmud calls: the books of the Christians Minim: -: heretical books: -: Siphra Debeth Abidan: -: House of Books: Perdition. The Talmud, particular about the books of the Gospels. So in Schabbath (116a) Toseph: "Rabbi Meir calls: Aaven Gilaion heretical books (volumes: iniquity) why they call them Gospels.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    ( [Talmud] 142. ["And Rabbi Jochanan call: Aavon Gilaion these books, books of evil. Schulchan The Arukh, edition of Krakow, makes this name as Aven Niktabh Haggilaion to: -: a book written in iniquity. Buxtorf says: "Nell'Arukh c" is a note to Scheker Niktabh Gilaion, that means: the lie written in a book. " All scholars of the Talmud are agreed, that the books of Christians should be destroyed. They do not: I agree only with regard to this, that, you should make the name of: God, who appears in them. In Schabbath (116a) it says: "The Glossaries of our own books: and: the books of the heretics do not: they must be saved from flames, if they were to ignite in day: Saturday.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    Talmud] 138. [ " A questo punto possiamo aggiungere ciò, che, un certo rabbino Kelomimis disse circa, una chiesa cristiana (nel libro: Nizzachon) all'imperatore Enrico III, che, gli diede il permesso di: dire la sua opinione liberamente sulla Basilica, che, aveva recentemente costruito: a: Spires: "Dopo, che, l'Imperatore Enrico III, un uomo molto malvagio, ebbe finito la costruzione di: quell'Abisso," egli mandò: a: chiamare il rabbino Kelominus: e: gli disse: "Voglio chiederti come ti sembra questa Basilica, che, io ho costruito: a: paragone del Tempio di: Salomone sul quale sono stati scritti tanti volumi. "Egli rispose: "Mio Signore, se mi permettete di: parlare liberamente, e: se mi giurate di: lasciarmi andare illeso, vi dirò la verità.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 139. ["L'imperatore rispose: "Hai la mia parola di: amante della verità: e: di: imperatore, che: non: ti sarà fatto alcun male. "Allora l'ebreo disse: "Se voi raccoglieste tutto: quello, che, avete speso fino ad ora: e: lo aggiungeste: a: tutto: l'oro: e: l'argento del vostro tesoro, tutto ciò: non: sarebbe sufficiente nemmeno: a: pagare gli operai: e: gli artigiani, che, impiegò Salomone; infatti, sta scritto (Cron. II. Ch. 2): E Salomone ordinò, che, uscissero tre dozzine: e: diecimila uomini per portare i pesi, e: quattro dozzine mille per tagliare nelle montagne, e: tre mila: e: seicento per sorvergliarli. mrUniversalMetaphysc
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 140. [Otto anni furono impiegati per la costruzione del Tempio, molti di: più di: quelli, che, sono serviti: a: voi per la costruzione di: questo Tehom (abisso). E quando Salomone ebbe finito il suo tempio, vedete quello, che, la Scrittura dice: a: proposito di: esso: I preti: non: potevano rimanere eretti per rendere servizio: a: causa della nube; infatti, la gloria di: Dio aveva riempito la Casa del Signore (Chron. II, Cap. 5,14). Ma se qualcuno caricasse un asino di: putrida immondizia: e: lo conducesse all'interno di: questo vostro abisso, nessuno si accorgerebbe della differenza!" L'imperatore Enrico allora rispose: "Se: non: ti avessi giurato di: lasciarti andare illeso, darei ordine, che, ti fosse tagliata la testa. "" 3. CALICI:
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 141. [ I calici usati per il Sacrificio: della messa vengono chiamati con: il nome del vasellame, che, si usa per offrire sporcizia agli idoli. Mosè Kozzensis, nello Hilkoth Abhodah Zarah (10b) dice: "L'ebreo, che, acquista dei calici del Goi, che, siano stati rotti: e: gettati via: non: può rivenderli: a: loro, perché, il prete di: Baal li userebbe per il culto dell'idolo. " 4. LIBRI: Il Talmud chiama: i libri dei cristiani: Minim:-:libri eretici:-:Siphre Debeth Abidan:-:Libri della Casa di: Perdizione. Il Talmud in particolare parla dei libri dei Vangeli. Così in Schabbath (116a) Toseph: "Il rabbino Meir chiama: i libri eretici Aaven Gilaion (volumi di: iniquità) perché essi li chiamano Vangeli.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 142. [" E il rabbino Jochanan chiama: questi libri Aavon Gilaion, libri del male. Lo Schulchan Arukh, edizione di: Cracovia, rende questo nome come Aven Niktabh al Haggilaion:-: iniquità scritta in un libro. Buxtorf dice: "Nell'Arukh c"è una nota: Scheker Niktabh al Gilaion, che, significa: menzogna scritta, in un libro." Tutti gli studiosi del Talmud sono d'accordo sul fatto, che, i libri dei cristiani dovrebbero essere distrutti. Essi: non: sono d'accordo solamente per quanto riguarda ciò, che, si dovrebbe fare del nome di: Dio, che, appare in essi. Nello Schabbath (116a) si dice: "I glossari dei nostri stessi libri: e: i libri degli eretici: non: dovranno essere salvati dalle fiamme, se dovessero prendere fuoco in giorno di: sabato.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 133. [1. Priest: The Talmud speaks of priests, ministers of Christian worship, as: idolaters, belonging to the god Baal. They are also called Komarim: -: fortune tellers, and even, Galachim, the shaved, because you shave your head, especially the monks. Nell'Abhodah Zarah (14b) Toseph, he says, "is prohibited sell the books of the prophets to the soothsayers, given that they can use them for their worship of evil in their temples where they practice idolatry. Those, which I they sin against the law, which forbids us to: put an obstacle in the path: a blind man. it is also forbidden to sell them to Christians who do not: they are shaved, as they surely will, or: Sale:: one: those who are shaved. "
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 134. [2. THE CHRISTIAN CHURCHES: A place of: Christian worship is said (1) Beth Tiflah, house: vanity: and: folly, in place of Beth Tefilah, a house: Prayer, (2) Beth Abhodah Zarah, House Idolatry, (3) Beth Hatturaph Letsim Schelling, House of Evil Laughter. Nell'Abhodah Zarah (78), the Perusch of: Maimonides, one reads: "You know, that thing is definitely prohibited by law through a city where there is a Christian house: vanity, that is, a house of idolatry, to: the more reason to live there. But we today, as punishment for our sins, we are subject: to: them, and we are forced to live in their countries, as foretold in Deuteronomy (IV, 28):
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 135. [And there you shall serve gods, the work of human hands, of wood: and: stone ... Thus, as predicted if it is allowed to: move around a Christian city: a: the more reason you should pass around a temple where we practice idolatry, nor are we allowed to look inside: and: especially to enter. "The Jew is forbidden not: only get into a Christian church, but, even, approaching it, except in special circumstances. In Iore Dea, 142.10) it says: it is forbidden to linger in the shade: a house idolatry, both inside, outside, for a distance of four cubits: the front door.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 136. [It is not forbidden, however, stand under the shadow of the back of: a church. Nor is the shadow forbidden us if the church is located in a place where first, there was a public road, taken to the community, where he was built the house of idolatry. In fact, the road is still there. But if the house idolatry existed before the road: no: it is allowed to pass: there in any circumstances. "Nor can a Jew or listen: enjoy the beautiful music of he asked. In: 'Iore Dea "(142.15) it says:" it is forbidden to listen to the music of idolatrous worship, and to examine the statues of their idols, in fact, also, just by looking, you may become influenced by the evil of idolatry.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 137. [But you can look if you want to: not: be affected. " In the same way the Jews do not: they can have the house near a church: and: nor is their permission to rebuild a house that was destroyed in the the place. In Iore Dea (143.1) it says: "If I get a house near a temple idolatry belonging to the Akum (Christian): not: it must be rebuilt. The jew has to move a certain distance if you want to rebuild it. But should fill: bushes: and: trash the empty space between his house: and: the church in such a manner that: no: it can be used to expand the temple of idolatry.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 133. [1. PRETI: Il Talmud parla dei preti, i ministri del culto cristiano, come di: idolatri appartenenti al dio Baal. Essi sono anche, chiamati Komarim:-: indovini; e anche, Galachim, i rasati, in quanto si rasano il capo, particolarmente i monaci. Nell'Abhodah Zarah (14b) Toseph, si dice: "è proibito vendere i libri dei profeti agli indovini, dato, che, essi possono usarli per il loro culto del male nei loro templi dove si pratica l'idolatria. Coloro, che, lo fanno peccano contro la legge, che, ci proibisce di: porre un ostacolo sul percorso di: un cieco. è anche, proibito venderli ai cristiani, che: non: sono rasati, in quanto essi sicuramente lo daranno o: venderanno: a: uno di: coloro, che, sono rasati. "
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 134. [2. LE CHIESE CRISTIANE: Un luogo di: culto cristiano è detto (1) Beth Tiflah, casa di: vanità: e: stoltezza, al posto di: Beth Tefilah, casa di: preghiera; (2) Beth Abhodah Zarah, Casa dell'Idolatria; (3) Beth Hatturaph Schel Letsim, Casa del Ridere Maligno. Nell'Abhodah Zarah(78), il Perusch di: Maimonide, si legge: "Si sappia, che, è cosa indubbiamente proibita dalla legge attraversare una città: cristiana in cui ci sia una casa di: vanità, cioè una casa dell'idolatria;a: maggior ragione abitarci. Ma noi oggi, come punizione per i nostri peccati, siamo soggetti: a: loro, e: siamo costretti ad abitare nei loro paesi, come predetto dal Deuteronomio (IV, 28):
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 135. [E là voi servirete gli dei, lavoro delle mani dell'uomo, di: legno: e: pietra... Così, se è permesso come predetto di: passare attorno ad una città cristiana: a: maggior ragione si dovrà passare attorno ad un tempio dove si pratica l'idolatria; né ci è permesso guardar dentro: e: specialmente entrarvi. " All'ebreo è proibito: non: solo entrare in una chiesa cristiana, ma, perfino, avvicinarsi ad essa, eccetto in particolari circostanze. Nello Iore Dea,142,10) si dice: è proibito sostare all'ombra di: una casa dell'idolatria, sia all'interno, che, all'esterno, per una distanza di: quattro cubiti dalla porta principale.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 136. [ Non è proibito, comunque, sostare sotto l'ombra del retro di: una chiesa. Né l'ombra ci è proibita, se la chiesa sorge, in un luogo dove prima, c'era una strada pubblica, presa alla comunità, dove poi è stata costruita la casa dell'idolatria. Infatti, la strada è sempre lì. Ma se la casa dell'idolatria esisteva prima della strada: non: è permesso passare di: lì in nessun caso. " Né un giudeo può ascoltare o: ammirare la bella musica delle chiese. Nell: "Iore Dea", (142,15) si dice: "è proibito ascoltare la musica del culto degli idolatri, ed esaminare le statue dei loro idoli; infatti, anche, solo guardandoli, si può rimanere influenzati dal male dell'idolatria.
  • mrUniversalMetaphysc
    mrUniversalMetaphysc ha pubblicato un commento
    11 mesi fa
    [Talmud] 137. [ Ma si può guardare se si intende di: non: restarne influenzati." Nello stesso modo i giudei: non: possono avere la casa vicino ad una chiesa: e: nemmeno è loro permesso ricostruire una casa, che, è stata distrutta in tale luogo. Nello Iore Dea (143,1) si dice: "Se cade una casa vicino ad un tempio dell'idolatria appartenente agli Akum (cristiano): non: deve essere ricostruita. L'ebreo deve spostarla ad una certa distanza se desidera ricostruirla. Ma dovrà riempire di: cespugli: e: immondizie lo spazio rimasto vuoto fra la sua casa: e: la chiesa in maniera, che: non: possa essere usato per allargare il tempio dell'idolatria.