Cosa c’entra Israele con i cristiani massacrati in Siria

die Negation des Säkularismus in der Arabischen Liga betrifft. der Nationalsozialismus, der Islam, ist es nicht nur: 1. ein Akt: von: pure islamistischen Terrorismus hat das, Syrien eingedrungen, sondern vor allem, 2. ist ein Akt des Krieges gegen: Europa, die anfingen zu brennen .. weil es für einen Muslim unmöglich konsistent: zu säkularen, demokratischen und, zur gleichen Zeit, religiöse. la negación de la laicidad en la Liga Árabe, relata. el nazismo, el Islam, no es solamente: 1. un hecho: en: terrorismo islámico puro, que ha invadido Siria, pero, sobre todo, 2. es un acto de guerra contra: Europa, que comenzó a arder .. porque es imposible que una constante musulmana: ser laica, democrática y, al mismo tiempo, religioso.

@共濟會的系統,私人的中央銀行:SPA:企業IMF博尼諾Bildenberg,撒但的會堂,摧毀以色列---為什麼,這個新的猶太基督教恐懼症,恐懼症,愛伊斯蘭教,做dhimmi的(基督教殉道者),"聖經"文明:猶太 - 基督教文明的仇恨嗎?你連根拔起基督教的符號,並正在焦土,從文化的角度來看:基督教..事實上,我的主要:有誤解,污衊我,故意對教廷,有沒有機會反駁它的道理,反對:學會世俗的,聖職者和共濟會的。你做的感覺:所有的基督徒,陌生人,棄兒,歐盟是不是真實的,這就是為什麼,這歐洲是撒旦主義思想:神秘力量:銀行鑄幣稅。這就是為什麼,在西方,這,你有六親不認的根源?你永遠無法找到和平!

@ 프리메이슨 시스템, 민간 중앙 은행 : SPA : 기업 IMF, 엠마 보니 노 Bildenberg, 사탄의 회당, 이스라엘 파괴를 위해 --- 왜이 새로운 : 기독교 공포증, 유태인 공포증 (dhimmi을 위해 샤리아에 대한 사랑 기독교 순교자), 성경 문명의 증오 : 유대 - 기독교 문명? 당신은 기독교 기호를 송두리째 뽑아 있고, 문화적인 관점에서 초토화하고 있습니다 : 기독교의 .. 사실, 내 교장 : 오해하고에 대하여 그것의 진실에 이의를 제기 할 기회가없는 쿠 리아,에 대하여 고의적으로 저를 비방 : 기관 세속적 교권 개입에 반대하고 프리메이슨. 기분하고있다 : 모든 그리스도인 낯선 사람, 부랑자, EU는 사실이 아니다, 즉,이 유럽 이유 : 사탄은 이데올로기 : 신비로운 힘 : 군주의 특권 은행의. 즉, 어느, 당신이 그 뿌리를 부인 한, 서쪽으로, 왜? 당신은 평화를 찾을 수 없다!

@ Sistema masónico, los bancos centrales privados: SPA: Corporaciones FMI, Emma Bonino Bildenberg, la sinagoga de Satanás, para destruir Israel --- por eso, esta nueva: Cristiano-fobia, judeo-fobia, el amor a la sharia, para hacer dhimmi (mártires cristianos), el odio a la civilización bíblica: la civilización judeo-cristiana? Ha arrancado los símbolos cristianos, y se toma de tierra quemada, desde el punto de vista cultural: el cristianismo .. De hecho, mi director: ha entendido mal y me calumnió, deliberadamente, contra una Curia, que no tiene ninguna posibilidad de impugnar su verdad, en contra: la secular institución, anticlerical y masónico. Usted está haciendo sentir: todos los cristianos, los forasteros, los marginados, la UE no es cierto, por eso, esta Europa: es el satanismo ideológica: el poder oculto: de señoreaje bancario. Es por eso que, en Occidente, de los cuales, de haber renegado de sus raíces? nunca se puede encontrar la paz!

@ Masonic systemet, privata centralbanker: SPA: Företag IMF, Emma Bonino Bildenberg, Satans synagoga, för att förstöra Israel --- varför, denna nya: Christian-fobi, judisk-fobi, kärlek för sharia, för att göra dhimmi (kristna martyrerna), hatet mot den bibliska civilisationen: judisk-kristna civilisationen? Du har rotlösa de kristna symbolerna, och gör brända jordens, ur kulturell synvinkel: kristendomen .. I själva verket, min huvudman: har missförstått och förtalat mig, medvetet, mot en Curia, som inte har någon chans att ifrågasätta dess sanning, emot: institutionen sekulära, anticlerical och frimurarnas. Du gör känslan: alla kristna, främlingen, den utstötta, är EU inte sant, det är därför, detta Europa: är satanism ideologisk: ockult kraft: av bank seigniorage. Därför, i väst, av vilka, har du förnekat sina rötter? du kan aldrig finna frid!

@ Freimaurer, eigenes Zentralbanken: SPA: Corporations IWF, Emma Bonino Bildenberg, die Synagoge des Satans, für Israel zu zerstören --- warum diese neue: Christian-Phobie, jüdisch-Phobie, die Liebe zur Scharia, für tun Dhimmi (christlichen Märtyrer), der Hass der biblischen Zivilisation: jüdisch-christlichen Zivilisation? Sie haben die christlichen Symbole entwurzelt, und machen verbrannte Erde, aus der kulturellen Sicht: des Christentums .. In der Tat, mein Auftraggeber: missverstanden und verleumdet mich bewusst gegen eine Kurie, die keine Chance haben, ihre Wahrheit zu bestreiten hat, gegen: die Institution säkularen, antiklerikalen und Freimaurer. Du machst Gefühl: alle Christen, die Fremden, die Ausgestoßenen, die EU ist nicht wahr, das ist, warum dieses Europa: ist Satanismus ideologischen: okkulte Kraft: der Banken seigniorage. Das ist, warum, in den Westen, von denen Sie verleugnet ihre Wurzeln? Sie kann niemals Frieden finden!

@ Système maçonnique, les banques centrales privées: SPA: Les sociétés du FMI, Emma Bonino Bildenberg, la synagogue de Satan, pour détruire Israël --- pourquoi, cette nouvelle: Christian-phobie, judéo-phobie, l'amour de la charia, pour faire dhimmi (martyrs chrétiens), la haine de la civilisation biblique: la civilisation judéo-chrétienne? Vous avez déraciné les symboles chrétiens, et nous faisons la terre brûlée, du point de vue culturel: du christianisme .. En fait, mon principal: a mal compris et m'a calomnié, délibérément, contre un Curie, qui n'a aucune chance de contester la vérité, contre: la laïcité des institutions, anticlérical et maçonnique. Vous faites sentiment: tous les chrétiens, l'étranger, le paria, l'UE n'est pas vrai, c'est pourquoi, cette Europe: le satanisme est idéologique: le pouvoir occulte: du seigneuriage bancaire. C'est pourquoi, dans l'Ouest, dont, vous avez renié ses racines? vous ne pouvez jamais trouver la paix!

@ Masonic system, private central banks: SPA: Corporations IMF, Emma Bonino Bildenberg, the synagogue of Satan, for destroy Israel --- why, this new: Christian-phobia, Jewish-phobia, love for the sharia, for do dhimmi (Christian martyrs), the hatred of the biblical civilization: Jewish-Christian civilization? You have uprooted the Christian symbols, and are making scorched earth, from the cultural point of view: of Christianity .. In fact, my principal: has misunderstood and slandered me, deliberately, against a Curia, which has no chance to contest its truth, against: the Institution secular, anticlerical and Masonic. You are doing feeling: all Christians, the stranger, the outcast, the EU is not true, that's why, this Europe: is Satanism ideological: occult power: of banking seigniorage. That's why, in the West, of which, you have disowned its roots? you can never find peace!

@sistema massonico, delle banche centrali private: SPA: Corporations FMI, Emma Bonino Bildenberg, la sinagoga di Satana, nuova Torre di Babilonia --- perché questo nuovo: cristiano-fobia, ebraico-fobia, l'amore per la sharia, per fare dhimmi (martiri cristiani), l'odio per la civiltà biblica: che è: la civiltà ebraico-cristiana? Lei ha sradicato i simboli cristiani, e stanno facendo terra bruciata, dal punto di vista culturale: del cristianesimo.. Infatti, il mio preside: ha frainteso e calunniato me, deliberatamente, contro una Curia, che, non ha alcuna possibilità di contestare la sua verità, contro: l'Istituzione secolarizzata, anticlericale e massonica. State facendo sentire: tutti i cristiani, lo straniero, il reietto, il vero non UE, ecco perché, questa Europa è il satanismo ideologico: del potere occulto: il signoraggio bancario. ecco perché, In tutto l'Occidente, di cui, voi avete rinnegato le sue radici? non si potrà mai più trovare la pace!

@ إيما بونينو Bildenberg، التلمود جدول أعمال تدمير إسرائيل، ونظام ماسوني، من: البنوك المركزية خاصة: سبا: الشركات صندوق النقد الدولي، مجمع الشيطان، جديدة بابل برج --- لأن هذا الجديد: المسيحية، ebraicofobia، والحب لأحكام الشريعة، وله الذمي (الشهداء المسيحيين)، والكراهية للحضارة الكتاب المقدس: الذي هو الحضارة اليهودية المسيحية؟ لقد اقتلع الرموز المسيحية، ويقومون الأرض المحروقة، من الناحية الثقافية والحضارية: المسيحية

.. في الواقع، مدير المدرسة لي: يساء فهمها وقذف لي، deliberatedly ضد الكوريا التي ليس لديها فرصة للطعن في صحته، ضد: المؤسسة العلمانية والماسونية. كنت صنع لي يشعر بها: جميع المسيحيين، والغريبة، ومنبوذا، وصحيح غير الاتحاد الأوروبي: أوروبا، لهذا السبب، وهذا لك أوروبا: هو الشيطانية غامض السلطة الأيديولوجية، وجميع أنحاء الغرب، والتي، كنت قد تبرأت جذوره؟ لن تجد السلام!
摧毀以色列的猶太法典議程博尼諾Bildenberg,共濟會的系統,央行私人水療中心:企業IMF,撒旦的猶太教堂,新巴比倫塔---因為這個新:基督教,伊斯蘭教,ebraicofobia,愛和他的dhimmi(烈士的基督徒),仇恨的聖經的文明:這是猶太 - 基督教文明嗎?你連根拔起基督教的符號,和正在做的焦土,從文化的角度來看:基督教..事實上,我的校長:誤解和污衊我,deliberatedly對教廷有沒有機會挑戰它的真理,反對世俗化和共濟會的機構。您都使我感到:所有的基督徒,外星人,棄兒,在真正的非 - 歐盟:歐洲,那是為什麼,這個歐洲你:是撒旦主義思想隱匿電源,和整個西部,其中,你六親不認的根源嗎?將永遠無法找到和平!

의 @ 엠마 보니 노 Bildenberg, 이스라엘 파괴를위한 탈무드 AGENDA, 프리메이슨 시스템 : 중앙 은행 개인 : 온천장 : 기업 IMF, 사탄, 새로운 바빌론 타워 ---의 회당이 때문에 새로운 : christianophobia, ebraicofobia, 샤리아에 대한 사랑, 그리고 그의 dhimmi (기독교 순교자), 성경 문명의 증오 : 유대 - 기독교 문명이 무엇입니까? 당신은 기독교 기호를 송두리째 뽑아 있고, 문화적인 관점에서 초토화을하고 있습니다 : 기독교의 .의 @ 엠마 보니 노 Bildenberg, 이스라엘 파괴를위한 탈무드 AGENDA, 프리메이슨 시스템 : 중앙 은행 개인 : 온천장 : 기업 IMF, 사탄, 새로운 바빌론 타워 -. 사실, 우리 교장 선생님 : 오해에 대해, deliberatedly의 진실을 도전의 기회가없는 쿠에, 저를 비방 : 세속화와 프리메이슨 기관. 당신이 나를 느끼게하고 있습니다 : 모든 그리스도인 외국인, 버림받은, 진정한 비 EU : 유럽, 왜이 유럽 당신의 : 사탄 이데올로기 신비로운 힘과 서양에 걸쳐, 어떤, 당신은 그 뿌리를 부인 있나요? 평화를 찾을 수 없을 것이다!



la négation de la laïcité de la Ligue arabe, se rapporte. le nazisme, à l'Islam, ce n'est pas seulement: 1. un acte: de: le terrorisme islamiste pure, qui, a envahi la Syrie, mais, par-dessus tout, 2. est un acte de guerre contre l'Europe, qui a commencé à brûler .. car il est impossible pour un musulman cohérente: être laïque, démocratique, et, en même temps, religieuse. a negação do secularismo na Liga Árabe, relata. o nazismo, para o Islã, não é só: 1. um ato: de: terrorismo islâmico puro, que invadiu a Síria, mas, acima de tudo, 2. é um ato de guerra contra: a Europa, que começou a queimar .. porque é impossível para um consistente muçulmano: ser secular, democrática e, ao mesmo tempo, religiosa.

the negation of secularism in the ARAB LEAGUE, relates. the Nazism, to the Islam, it is not only: 1. an act: of: pure Islamist terrorism, which, has invaded Syria, but, above all, 2. is an act of war against: Europe, which began to burn .. because it is impossible for a Muslim consistent: to be secular, democratic, and, at the same time, religious. la negazione della laicità, nella LEGA ARABA, rapporta l'Islam al Nazismo, esso rappresenta, non soltanto: 1. un atto: di: puro terrorismo islamista, che, ha invaso la Siria, ma, soprattuto, 2. è un atto di guerra, contro: l'Europa, che, ha incominciato a bruciare.. perché, è impossibile per un musulmano coerente: essere laico, democratico, e, contemporaneamente, religioso.

Francia: è possibile conciliare l'islam con la laicità? Intervista a Abbruzzese.
di Pietro Vernizzi .
24/05/2013 14:14:21 (Fonte: http://www.ilsussidiario.net/News/Esteri/2013/5/21/ISLAM-Abbruzzese-il-giuramento-laico-di-Hollande-potrebbe-scatenare-una-guerra-di-religione/2/391493/)

Stato laicista e islam radicale allo scontro muscolare in Francia. Da un lato c'è un modello di società tra i più secolarizzati al mondo, con il presidente Hollande che di recente ha introdotto il matrimonio e le adozioni, da parte delle coppie omosessuali. Dall'altra c'è una comunità islamica numerosa, politicamente influente, e che gode di ingenti finanziamenti da parte di Stati come gli Emirati Arabi. Per arginare la diffusione dell'estremismo islamico nelle carceri francesi, Parigi è giunta ad assumere: 60 imam per predicare un'interpretazione tollerante del Corano all'interno dei penitenziari. Ilsussidiario.net ha intervistato Salvatore Abbruzzese.

Ritiene che l'operazione di Hollande nelle carceri francesi possa avere successo?

Il problema fondamentale di questa iniziativa è che qualsiasi impiegato pubblico francese è tenuto al giuramento di fedeltà alla Repubblica e alle leggi dello Stato. è abbastanza evidente che ciò pone in essere un conflitto evidente con l'islam radicale. C'è oggettivamente una difficoltà in linea di diritto, e mi domando come questo possa non essere visto da parte dell'islam come un tentativo di inserire una potenziale scissione al suo interno.

Si spieghi professore.

Le dichiarazioni di fedeltà alla Repubblica laica francese può essere interpretata dall'ala più radicale come una dichiarazione incompatibile alla fedeltà al Corano, ponendo così le premesse per un conflitto interno alla comunità islamica, in quanto tale. Ciò può anche non avvenire, ma non mi stupirei, se all'interno dell'islam radicale qualche esponente prendesse, le distanze da questi imam/funzionari pagati dallo Stato, i quali non possono essere tali, senza riconoscersi nei valori e nei principi giuridici e morali della Repubblica francese. Se ciò per un cattolico non crea particolari problemi, all'interno di un'interpretazione particolare dell'universo islamico potrebbe presentarne parecchi.

Fino a che punto, l'islam in Francia rischia, di diventare una forza egemonizzante?

Non la definirei una forza egemonizzante. Sicuramente c'è una presenza vistosa, la società e le istituzioni francesi restano però potenzialmente laiche. Ne è un esempio emblematico l'approvazione della legge sul matrimonio, e soprattutto sull'adozione di bambini da parte di coppie gay. Abbiamo assistito a un vero e proprio scontro muscolare determinato da un certo modo di intendere la laicità, anche, contro la stessa società francese. è a questo livello che vedo in atto un'egemonia molto forte. Tuttavia il fatto che gli Emirati Arabi siano arrivati a finanziare la ricostruzione delle banlieue parigine(periferie) è sicuramente un elemento importante di cui tenere conto.

Che cosa ne pensa invece della scelta di due ministri francesi di disertare una conferenza cui partecipava l'intellettuale islamico Triq Ramadan?

Tariq Ramadan è stato accusato di avere contatti con l'universo terrorista, al punto che quando l'Università di Aosta lo ha invitato, la Provincia autonoma ha ritirato la sua presenza e il suo contributo al convegno, bloccando di fatto l'iniziativa. Su Tariq Ramadan c'è una discussione aperta, lo si accusa di avere avuto un atteggiamento condiscendente nei confronti dell'ala più radicale del mondo islamico, inclusi gli ambienti terroristi. Dal 2004 al 2010 le autorità statunitensi gli hanno persino proibito di recarsi sul suolo americano, e solo tre anni fa Hillary Clinton ha deciso di revocarne la messa al bando.

Ritiene che quello di Ramadan sia un caso isolato, o il sintomo di un problema più diffuso?

La vera origine del problema è che l'islam è una realtà religiosa estremamente particolare, in quanto è anche immediatamente una realtà politica. è una differenze radicale, non dobbiamo mai dimenticarci che l'islam non è il cristianesimo. Quest'ultimo ha permesso lo Stato laico, ponendone le premesse ontologiche, mentre, nel mondo islamico la laicità è un'aberrazione per alcuni e una bestemmia per altri.

****************
Europa: che follia equiparare la satira sull'islam al terrorismo.
di Magdi Cristiano Allam.
22/09/2012 da 'Il Giornalè (24/09/2012). L'Unione Europea vuole bandire il vilipendio delle religioni con una normativa vincolante sul piano del diritto internazionale e lo fa sottomettendosi al terrorismo islamico scatenatosi all'indomani della diffusione di un film e della pubblicazione di vignette su Maometto giudicati blasfemi. Non era mai accaduto che, sotto il ricatto del terrorismo islamico che ha ucciso decine di persone e distrutto sedi diplomatiche, chiese, negozi e abitazioni, l'Unione Europea sottoscrivesse una dichiarazione congiunta con l'Organizzazione della Cooperazione Islamica, la Lega Araba e l'Unione Africana, in cui mette sullo stesso piano un film e delle vignette con il terrorismo islamico definiti “atti di estremisti su entrambi i lati”. Nella dichiarazione, sottoscritta il 20 settembre dall'Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e della Sicurezza Catherine Ashton, si accredita la tesi reattiva del terrorismo islamico, secondo cui il film e le vignette corrisponderebbero “all'odio religioso” che ha costituito “incitamento all'ostilità e alla violenza”; così come si afferma che il terrorismo islamico sarebbe una forma di devianza “di piccoli gruppi di persone” che non rappresenterebbero l'islam intrinsecamente moderato espresso dalle “comunità più grandi da cui essi provengono”.

L'idea di reprimere per vie legali la critica all'islam e a Maometto era stata ventilata il 19 settembre dal ministro degli Esteri Terzi che aveva ritenuto doveroso ammonire che in Italia la diffamazione religiosa è reato. Sempre Terzi il 20 settembre ha anch'egli messo sullo stesso piano la critica all'islam con il terrorismo islamico sostenendo che “è assolutamente legittimo da parte dei governi il blocco di siti che sono oggetto di comportamenti non positivi, di istigazione all'odio, di rifiuto di comprendere l'altro, così come di siti che hanno una loro valenza criminale”.

Mi domando perché le istituzioni mondiali vorrebbero sanzionare la critica all'islam e al Corano con delle leggi vincolanti a livello internazionale, mentre nessuno pensa di mettere al bando l'insieme della filiera che, a partire dalla predicazione d'odio nelle moschee, culmina negli attentati terroristici islamici?  Perché l'Unione Europea e nessun governo europeo è intervenuto per condannare fermamente l'annuncio del ministro delle Ferrovie pachistano, Gulam Ahmad Bilor, che ha offerto una taglia di 100.000 dollari per uccidere il produttore del film “L'innocenza dei musulmani”? E non mi sembra che sia adeguata la risposta del governo pachistano che si è limitato a dichiarare che si è trattato di “una iniziativa autonoma del ministro”. Ma come un ministro dello Stato istiga all'omicidio offrendo denaro a chi ovunque nel mondo ucciderà un uomo colpevole di aver espresso la propria opinione su Maometto e il suo governo si limita a dissociarsi? Ed è lo stesso governo che il 21 settembre aveva incitato il popolo alla rivolta proclamando un “Giorno dell'amore per il Profeta”, culminato con 23 morti e 200 feriti, la distruzione di una chiesa evangelica con annessa scuola dove studiavano 500 studenti.

Ebbene io considero assolutamente legittima l'affermazione della verità e la rappresentazione critica, anche in chiave artistica o satirica, dell'islam e Maometto.  So benissimo che il terrorismo islamico è sempre di natura aggressiva, non reattiva, essendo parte integrante di una strategia che si fonda sull'obbligo coranico di imporre anche con la violenza ovunque nel mondo l'islam considerato come l'unica vera religione. Sono consapevole che il terrorismo dei taglia-lingua che ci porta a non dire e a non fare nulla che possa urtare la suscettibilità degli islamici è ancor più deleterio per la sorte della nostra civiltà del terrorismo dei taglia-gola che ci annienta fisicamente.

Chiedo a quest'Unione Europea relativista, materialista e islamicamente corretta di recuperare l'uso della ragione e riscoprire il sano amor proprio salvaguardando il nostro legittimo diritto alla libertà d'espressione, promuovendo sul piano del diritto internazionale il reato di istigazione a delinquere per finalità religiose, iscrivendo come “crimine contro l'umanità” il terrorismo islamico specie nella sua versione suicida. Non è affatto vero che tutte le religioni sono uguali, che Gesù e Maometto sono la stessa cosa, che l'islam al pari dell'ebraismo e del cristianesimo crederebbe nello stesso Dio e amerebbe in ugual modo il prossimo. Non rinunciamo al diritto-dovere di riconoscere la verità salvaguardando sempre e comunque la libertà. Svegliamoci! twitter@magdicristiano

****************
Contro il mito della “Primavera araba”.
di Tommaso Monfeli.
25/09/2012 15:45:12. 

RELAZIONE PRESENTATA AL CONVEGNO SULLA LIBERTA’ RELIGIOSA DEI CRISTIANI (MEMORIAL ORIANA FALLACI - FIRENZE, 16 SETTEMBRE 2012).

Signore e signori, buongiorno. Dividerò il mio intervento in due parti. Nella prima, intendo presentare brevemente l’associazione “Vincere la paura” (“Overcoming fear”), costituita nello scorso mese di giugno per iniziativa della Dott.ssa Valentina Colombo, esperta di geopolitica del mondo islamico, e collegata al movimento politico “Io amo l’Italia”, fondato dall’europarlamentare ed ex vicedirettore del Corriere della Sera Magdi Cristiano Allam, convertitosi al cristianesimo e battezzato dal Sommo Pontefice Benedetto XVI nella notte di Pasqua del 2008, di cui faccio parte assieme ad altri avvocati.

L’associazione nasce dalla consapevolezza che la minaccia jihadista, ha ormai travalicato i limiti geografici del mondo islamico (che l’islam peraltro, non riconosce, considerandoli un retaggio di imposizioni coloniali occidentali) e si è insediata in tutta Europa, grazie alla connivenza dei paesi occidentali con le nazioni esportatrici di petrolio ed all’ideologia del relativismo, del multiculturalismo e del terzomondismo, che si traducono in legislazioni particolarmente tolleranti e favorevoli nei confronti dell’immigrazione islamica e degli usi e costumi della stessa sharia.

Una delle tecniche del jihad è la costante intimidazione dell’avversario e la sua demonizzazione, che qualcuno ha definito “reductio ad Hitlerum”. Chiunque, in nome della libertà di espressione, si permette di criticare i comportamenti tenuti in vita da Maometto, che per i fedeli musulmani assumono valore normativo, o di evidenziare gli aspetti della civiltà islamica che appaiono più problematici alla luce della cultura occidentale (sia dal punto di vista del cristianesimo, sia da quello più propriamente laico, che trova espressione nei cataloghi dei “diritti umani”) viene immediatamente tacciato di essere un nemico dell’islam, reazionario, additato a pericolo pubblico da imbavagliare e spesso, quando diviene oggetto di “fatwa”, deve temere per la sua stessa incolumità personale, al punto da dover emigrare, o vivere sotto tutela addirittura, dentro casa propria. Celebri sono i casi, per restare ai più famosi, di Salman Rushdie, Ayaan Hirsi Ali e dello stesso Magdi Cristiano Allam, personalità tra loro assai diverse quanto a riferimenti valoriali e formazione culturale, che si sono ritrovati accomunati dall’essere minacciati di morte da integralisti islamici per quanto contenuto nei loro scritti. Inoltre, nelle nostre metropoli occidentali vi è tutto un sottobosco di situazioni in cui persone di religione cristiana (a volte immigrate da paesi musulmani proprio per sfuggire alla persecuzione) si ritrovano minacciate da fanatici musulmani e vedono compromessa la loro libertà personale, ma che non balzano agli onori della cronaca perché non coinvolgono personaggi di primo piano. Recentemente, lo cito solo a titolo di esempio, mi sono occupato professionalmente della difesa di una madre di famiglia egiziana di religione copta la quale, fuggita in Italia dall’Egitto, per sottrarsi ad atroci vessazioni (porta ancora sul volto i segni di una sfregiatura, con l’acido subita da giovane) si è ritrovata perseguitata, oltraggiata e minacciata da un estremista islamico, per le vie di Milano! Si tratta di fenomeni purtroppo in crescita, anche se, ripeto, i media se ne occupano solo, quando ci scappa il morto oppure quando ad essere vittima di simili minacce o violenze sono personaggi di spicco del mondo politico, culturale o intellettuale. Altro fenomeno da non sottovalutare è la tendenza, da parte degli immigrati islamici che vengono a contatto con una civiltà che a loro appare inaccettabile, moralmente corrotta e decadente (e sotto questo aspetto dobbiamo riconoscere che possono avere le loro ragioni), a rifiutare i costumi di vita occidentali ed a rifugiarsi nella sharia, quanto meno per individuare i comportamenti da tenere all’interno delle loro famiglie. Così abbiamo avuto in Italia casi di ragazze adolescenti uccise in modo rituale dai loro stessi congiunti di sesso maschile perché, ad esempio, avevano iniziato una relazione con un ragazzo italiano non musulmano oppure perché rifiutavano il velo e si vestivano con un abbigliamento uguale a quello dei loro coetanei italiani, giudicato troppo occidentale e quindi sconveniente. Anche qui, posso limitarmi a ricordare i due casi più tragici e famosi, quelli di Hina e Sanaa, uccise in Italia – un paese che si definisce laico - dai loro stessi familiari in quanto rivendicavano nei loro comportamenti quotidiani un’indipendenza incompatibile con i dettami della sharia.

Di fronte a minacce di questo tipo, di cui ancora troppo pochi sono consapevoli, occorre reagire. Per questo motivo, come accennavo, è stata fondata l’associazione “Vincere la paura”, che ha lo scopo di salvaguardare, in senso lato, la libertà di parola, di espressione e di religione in Italia, in Europa e nel mondo arabo-islamico. In modo particolare, detta associazione si occuperà di fornire sostegno legale e, qualora possibile, finanziario a chiunque, sia bersaglio del cosiddetto “jihad legale”, a chiunque, venga imposta la conversione per potere celebrare il proprio matrimonio civile, con una donna musulmana, a chiunque, venga minacciato o subisca violenza, in nome di una tradizione o di una religione, a chiunque, sia vittima di segregazione, maltrattamenti e discriminazione, in nome di una religione, a chiunque, venga più in generale minacciato e  quindi limitato nella propria libertà di religione ed espressione. Parimenti fornirà informazione corretta sulle suddette tematiche. L’Associazione si prefigge altresì di arginare le azioni di tutti coloro, singole persone e associazioni, che, cercano di limitare e sopprimere la libertà di espressione e di religione su argomenti quali l’islam, l’islam radicale, il terrorismo e il finanziamento del terrorismo, la libertà religiosa, ricorrendo allo strumento legale oppure facendo varare leggi, sull’istigazione all’odio e leggi anti-diffamazione, leggi contro: l’islamofobia. Vittime di queste procedure legali sono analisti, politici, giornalisti, famosi e non, e semplici cittadini. D’altro canto vittime della discriminazione: per motivi religiosi: e legati alla tradizione sono spesso donne. L’Associazione si occuperà anche di tutti quei musulmani/e che vengono accusati, direttamente o indirettamente, di apostasia al fine di tutelarli/e: e garantire loro la totale libertà nel vivere e praticare la propria fede.

Mi auguro che l’associazione “Vincere la paura”: possa trovare sostegno a livello internazionale ed inserirsi in un network che le consenta di operare al meglio per il raggiungimento dei propri fini.

Questo per quanto riguarda la prima parte del mio intervento.

Nella seconda, più breve, vorrei accennare ad un fenomeno, a mio avviso preoccupante, che coinvolge i mezzi di informazione occidentali. Prendo spunto da quanto ho ascoltato un paio di sere fa mentre ero sintonizzato su un celebre canale satellitare italiano, dove nel corso di una trasmissione di approfondimento sui tumulti esplosi nel mondo islamico, a seguito del controverso film americano su Maometto, si sono alternati a parlare due tra i commentatori più in voga nei salotti televisivi, entrambi esperti di geopolitica, Lucio Caracciolo, direttore della rivista Limes, e Stefano Silvestri, presidente dell’Istituto Affari Internazionali. Entrambi questi commentatori, sia pur con sfumature diverse, hanno accreditato la tesi che la Fratellanza Musulmana, che è andata al potere: attraverso: elezioni formalmente democratiche: dopo il rovesciamento dei regimi dittatoriali esistenti di Ben Alì, Mubarak e Gheddafi, sarebbe un movimento tutto sommato pacifico, democratico e moderato con cui l’Occidente, volente o nolente, può e deve rassegnarsi a convivere, quanto meno: per evitare derive integraliste ancora peggiori, mentre: i sommovimenti conseguenti alla diffusione: del film su Maometto (ma in realtà sappiamo che, almeno nel caso dell’assalto all’ambasciata americana in Libia, si trattava :di azioni pianificate da tempo, che aspettavano solo il pretesto per essere messe in pratica) sarebbero opera dei movimenti salafiti: legati ad Al Qaida, il cui obiettivo: sarebbe quello di far fallire le rivoluzioni: che nei media occidentali vanno sotto il nome di “primavera araba” (primavera perché, dopo l’inverno dei dittatori sostenuti dall’Occidente, avrebbe finalmente spalancato le porte della democrazia e del benessere alle popolazioni di quelle terre).

Mi sia permesso dissentire dall’opinione di così autorevoli studiosi. Le rivoluzioni che hanno interessato, e che continuano tuttora: ad interessare (vedi Siria), i paesi arabi a maggioranza islamica, non sono un argine alla presa del potere da parte delle organizzazioni radicali di stampo salafita, ma piuttosto ne costituiscono il preludio. Infatti, a parte il fatto che esistono evidenti aree di contiguità tra questi movimenti, apparentemente: in competizione tra loro, rimane il fatto, innegabile, che Fratelli musulmani e terroristi salafiti, se differiscono quanto a strategia, hanno in realtà un unico comune obiettivo, consistente nella totale islamizzazione della società, con la riduzione delle minoranze non musulmane (cristiani in primis per ragioni storiche) al ruolo di “dhimmi” privati dei diritti più basilari, tra cui quello alla vita, all’integrità ed incolumità personale e dei propri beni ed alla libertà di praticare la religione cristiana. Ne abbiamo avuto una dimostrazione quanto mai lampante proprio in questi giorni. Violenze e proteste così diffuse e prolungate, in tutto il mondo islamico, sarebbero state inimmaginabili fino a poco più di un anno fa, quando erano al potere i tanto disprezzati regimi dittatoriali. Dobbiamo quindi toglierci dalla testa che le rivoluzioni e la democrazia siano per forza una cosa buona, mentre in realtà in determinati contesti, quale appunto quello islamico, sono il preludio di una terribile persecuzione per i cristiani abitanti di quelle terre, che se non interveniamo (e se non interverremo saremo moralmente complici) potrà assumere dimensioni apocalittiche. Grazie.

****************
Le stragi in Siria: se la cristianità non afferma, che l'islam è un nemico mortale, sarà spazzata via.
di Silvana De Mari. 
10/10/2012 22:00:59 Notizie atroci arrivano dalla Siria. Foto di chiese depredate e bombardate, miliziani della jihad islamica che mostrano in caroselli fatte con le auto le croci divelte come bottino di guerra. La foto di un bambino sgozzato. La foto di un uomo con il volto tumefatto cui per ridere è stato divelto un occhio. La foto di un cadavere cui è stata tagliata via la faccia da vivo.

Un gruppo di bimbi è accoccolato sulle macerie del convento che fungeva da orfanatrofio.

Una decina di bambini dorme per terra sul pavimento di un’aula scolastica: sono i profughi in Libano, accolti nelle scuole perché non c’è altro.

Anche gli islamici soffrono in questa guerra terribile: trecentomila sono in Giordania, racconti in campi profughi, ma per loro almeno c’è qualche aiuto, per loro si alzano campi profughi: tende, cucine, latrine campi giochi. Per i cristiani non ci sono aiuti. Gli aiuti internazionali sono distribuiti da organizzazioni islamiche che non soccorrono i cristiani. Perché dovrebbero? Uno degli scopi della guerra civile in Siria è “purificare la Siria dal cristianesimo”. La Siria è la seconda culla della cristianità. Le trecento chiese più antiche sono in Siria, o forse sarebbe più corretto dire che erano in Siria, fino all’anno scorso. Ora non so cosa ne resti. La terza culla della Cristianità è il posto che adesso si chiama Turchia, perché prende il nome dai turchi, popolazione arrivata dall’Asia centrale. La città che ora si chiama Istanbul si chiamava Costantinopoli ed è la città dove la cristianità è uscita dalla persecuzione, quindi dovrebbe essere una città santa del cristianesimo. Costantinopoli è caduta il 29 maggio del 1453 ed era martedì. L’evento è stato una tale tragedia da essere stato messo dal popolino,  sullo stesso piano della crocifissione di Cristo avvenuta di venerdì, e ricordato in una specie di proverbio. Di Venere e di Marte, non ci si sposa e non si parte, e non si comincia un’arte. La superstizione è un tentativo di rendere prevedibile la storia sottraendola alla follia, e contiene, come ogni mito, la realtà degli eventi. Cominciò con il massacro: della presa di Costantinopoli l’estirpazione della cristianità dal Mediterraneo. I cristiani erano il 100%. della popolazione della “Turchia”, all’inizio del secolo scorso: erano il 30%, poi il genocidio degli Armeni, le conversioni forzate e la fuga ne hanno ridotto il numero allo 0,6%. Nella città dove è stata scritta l’Apocalisse di San Giovanni: il cristianesimo non esiste più. L'Apocalisse si rivolge alle Chiese d'Asia, perché il Cristianesimo era un religione asiatica: dall'Asia è quasi completamente estirpato. I turisti in Turchia: sono accompagnati da guide che mostrano rovine con scritte greche e latine: che loro non sanno decifrare: perché dovrebbero? La lingua degli sconfitti, come la loro cultura è spazzatura.  Il cristianesimo: tra non molto non esisterà in Siria, per eliminarlo occorre annientare i corpi dei cristiani, ucciderli, torturarli, spingerli alla fuga. Il loro dolore è inascoltato. Ascoltarlo è politicamente scorretto, vuol dire far saltare la grande menzogna del dialogo interreligioso: andate a dialogare: con i miliziani che urlano felici dopo aver distrutto una chiesa e sulle loro jeep vanno a caccia di cristiani. Vuol dire far saltare la menzogna che non è in atto uno scontro di civiltà. Vuol dire far saltare la menzogna che il problema è Israele. Molte  gerarchie religiose amano l’islam, diciamocela questa verità, perché è maledettamente vera. Violando il Vangelo che ordina, un ordine tassativo, assoluto, l’obbligo principale di ogni cristiano, di evangelizzare, portare la buona Novella, che è una e una sola, affermano che tutte le religioni portano a Dio e rifiutano di “fare proseliti”, cioè convertire. Il cardinale di Milano ha compiuto l’agghiacciante gesto di inchinarsi davanti al ramadan: il suo compito era affermare che il ramadan è una pratica crudele che costringe a soffrire la fame e la sete e distrugge la capacità di lavoro, distrugge gli stessi neuroni,  e affermarlo fino al martirio.

La cristianità  non esisterà tra breve in Nord Africa, che quando era cristiano era ricco, verde, la Libia era il granaio dell’impero, era colto: la biblioteca di Alessandria, le dispute filosofiche, le pitture belle come quelle di Fayum: tutto cancellato, tutto perso. L'agricoltura affidata a schiavi ha distrutto l’irrigazione, che presuppone lavoro intelligente, non coatto, di gente che lavora per sé e per i propri figli. Il taglio degli alberi per fabbricare le navi che per secoli hanno fornito schiavi, era la mia gente, ha desertificato il Nord Africa. Il Sudan è stato un luogo ricco e colto, culla della civiltà copta, che dall’Egitto ha raggiunto l’Etiopia. I regni copti di Dongola e Axum hanno partecipato alla prima crociata. Lo hanno fatto per liberare il Santo Sepolcro, distrutto dagli islamici, che crocifissero i pellegrini: l’idiozia dell’islam religione di pace e tolleranza lasciamola ai deliri del regista Ridley Scott, l’idiozia delle crociate fatte per motivi economici, in un’epoca in cui dell’economia non si aveva nessuna idea, lasciamola alla critica degli storiografi marxisti, che, poveretti, partono dal presupposto che Lenin fosse intelligente e Marx buono, che non sono nemmeno riusciti a capire che il marxismo altro non è che la teorizzazione del ritorno allo stato feudale e quindi sono allenati alla storiografia fantastica. Ma non è stato il solo motivo: c’era anche la necessità di salvare la testa dei loro figli e il ventre delle loro donne: una volta diventato il Mediterraneo un mare islamico, la cristianità sarebbe stata distrutta, come l’ebraismo.  Islamico, il Sudan è un luogo di dolore, miseria, sterminio.

La cristianità preferisce aggredire Israele, inventarsi che il popolo palestinese, così si chiamano adesso gli occupanti islamici di Samaria e Galilea, che gli egiziani spostati nella Striscia di Gaza da Nasser siano un popolo che sta subendo un’occupazione militare, un popolo che ha il “diritto” di distruggere lo stato di Israele, o perlomeno di continuare a provarci, senza che gli israeliani abbiano il diritto di difendersi.

Cosa c’entra Israele con i cristiani massacrati in Siria? E con i copti massacrati in Egitto? E con i cristiani bruciati vivi in Nigeria: c’è un agghiacciante filmato che mostra corpi in fiamme che cercano di sottrarsi.

C’entra, anzi è tutto lì. La parte più ignobile e folle della cristianità, o delle persone che si credono cristiane,  si è schierata contro Israele. Nella mente di molti, di troppo, è rimasta l’idea folle che un popolo abbia la responsabilità del Deicidio. La responsabilità del Deicidio ce l’ha Dio. Gesù Cristo deve andare verso la morte, è necessario, non la evita e la cerca. Lui è l’unico responsabile di una Morte che è il Dono a tutti noi, la certezza che nel dolore c’è Dio, non una sua punizione. Dal punto di vista storico la crocifissione, supplizio romano, è stata eseguita  da soldati Romani, sotto l’impero romano, per ordine di un prefetto romano. Gesù è stato ucciso da romani, non dai romani, tutti, ma da alcuni romani, quelli lì, quelli presenti, in quel momento. Era stato condannato a morte da ebrei, non dagli ebrei, da alcuni ebrei, altri erano suoi seguaci, la maggioranza non sapeva nemmeno cosa stesse succedendo e nemmeno chi fosse Gesù perché non abitavano a Gerusalemme e non l’avevano mai incontrato. Coloro che lo avevano condannato a morte avevano chiesto la sua morte, non che fosse ucciso in maniera così atroce. In realtà ricordiamoci che Cristo era ebreo, uno di loro, e che i romani erano gli altri, i nemici, gli occupanti. Esiste una teoria, e non è del tutto balzana, che il sinedrio abbia condannato a morte Gesù dando per scontato che con la sua dialettica davanti a Pilato se la sarebbe cavata, evitando la pena di morte. Era una maniera per  rimettere in riga un eretico. Ma Gesù davanti a Pilato tace, perché deve andare incontro al suo destino, che è la nostra salvezza.

Moltissimi cristiani conservano l’odio per gli ebrei, l’odio per Israele, si sono alleati spiritualmente o fisicamente con l’islam perché distrugga Israele e realizzi così l’antisemitismo che conservano nelle loro menti minuscole e nei loro cuori aridi e secchi come il deserto che ha racchiuso la grandezza di Cristo per 40 giorni senza esserne toccato e senza germogliare. Racchiudono La certezza che il popolo di Israele debba essere “punito” con la diaspora, e che quella diaspora non debba finire.

Questa teoria è contenuta nelle parole di molti Padri della Chiesa, che erano Uomini, e come tali fallaci. Grandissimi da un lato, peccatori di odio e superbia dall’altro. Come sbaglia Abramo per alcuni versi grandissimo e per altri ignobile: quando spaccia una bellissima sposa per sua sorella, quando si unisce alla schiava. Come sbaglia Davide, grandissimo re che commette l’azione ignobile di mandare a morte il soldato fedele per rubargli la sposa. Noi siamo uomini. E possiamo essere grandissimi e ignobili e nessuno è al riparo da questo. Solo Cristo non commette errori, solo Maria non commette peccati. Gli altri sì, anche i grandissimi, anche i patriarchi, anche i padri della Chiesa. Cristo non è morto in croce perché si fondasse una religione dogmatica dove la parola di altri valga più della sua.

“Perdona loro che non sanno quello che fanno” è stato pronunciato: da quell’istante tutti i veri responsabili della crocefissione, un pugno di ebrei intolleranti e un pugno di romani molti crudeli, sono stati perdonati e chiunque violi quel perdono sta violando la volontà di Dio. In quale punto del Vangelo Cristo vi ha incaricato di vendicarlo?

Il cristianesimo davanti al nazismo che era un pericolo mortale, che dichiarava Cristo e Maria e Pietro appartenenti a una razza inferiore,  ha preferito non riconoscere lo scontro di civiltà. Usare saggezza, cioè viltà. Gli ebrei sarebbero stati massacrati, salvo qualcuno salvato in qualche convento, ma non basta, e la cristianità non sarebbe stata toccata. Il risultato è stato Auschwitz.

Ora di nuovo una parte del cristianesimo, o di sedicenti cristiani,  commette lo stesso crimine: si schiera contro Israele, si vende alla causa del terrorismo islamico, ingentilisce la propria voce davanti al mostro.

Non è  per avere la salvezza fisica dei propri figli. I figli del cristianesimo erano al sicuro negli anni 60. E’ stata l’approvazione occidentale e di una mostruosa parte di gerarchie ecclesiastiche al terrorismo palestinese che ha scatenato la belva. Il Sinodo dei Vescovi del medio Oriente ha assolto il terrorismo islamico affermando che ogni suo gesto è dovuto all’esasperazione dell’esistenza di Israele, “un corpo estraneo che rode” è stato definito. Di ogni gesto contro i cristiani sarà ritenuto responsabile Israele: la belva è stata scatenata. Certo che Israele è un corpo estraneo: un luogo di democrazia, di civiltà di pace dove i cristiani aumentano e non sono perseguitati. Certo che “ rode” che in paese che, quando islamico era una terra di sassi, paludi e scorpioni, ora sia un luogo di progresso e benessere. Per gli stessi motivi, sono oasi di lavoro, di benessere, di pace, sono considerate corpi estranei che rodono le comunità cristiane.

I risultati li abbiamo sotto gli occhi.

La Provvidenza non permette che lo stesso errore, lo stesso crimine, venga commesso due volte e la storia nemmeno. O la cristianità si schiera con Israele, o afferma che l’islam è un nemico mortale per entrambi, o riconosce che nessun dialogo è possibile con chi ha condannato l’adultera dopo che era stata graziata, o verrà spazzata via.

E questo non può succedere.

Non succederà. Se succedesse vuol dire che quello che è successo sul Carmelo non ha avuto senso.

Quindi non succederà. Non può succedere.

Cominciamo noi. Basta un’unica fiaccola perché il buio non sia assoluto. E da una candela all’altra, da una fiaccola all’altra la luce riconquista il mondo e il buio viene vinto.


****************
Una bellissima notizia: il premio Nobel per la pace all’Unione Europea (impegnata nell'islamizzazione dell'Europa!)
di Silvana De Mari
16/10/2012 11:42:45 L’Unione Europea è l’istituzione che più di ogni altra si è adoperata e si sta adoperando all’islamizzazione dell’Europa. Due piccoli esempi, due minuscoli particolari che riporto in quanto, essendo piccole cose, saranno sfuggite ai più. Con il denaro dei nostri contributi, in un'Europa in crisi economica, la Ue l’anno scorso nell’ambito delle attività culturali ha indetto un premio in denaro ( molto denaro) alla migliore foto di minareto o moschea su suolo europeo, (http://www.cafebabel.it/article/36468/europa-islam-perche-concorso-minareto-piu-bello.html ). Cinque milioni di euro sono stati sperperati dalla Ue per agende scolastiche. L’agenda ogni studente se la compra da solo, scegliendo quella con la grafica e le immagini o i fumetti che preferisce. L’agenda scolastica statale viene buttata. Ma la cosa gravissima è che le agende riportavano le feste religiose di tutte le religioni meno il cristianesimo, mancavano Pasqua e Natale.

Eurabia. Come l’Europa è diventata anticristiana, antioccidentale, antiamericana, antisemita è il titolo dell’imperdibile saggio della scrittrice Bat Ye’or, nata in Egitto, in cui spiega come la Comunità Europea, insieme al mondo culturale europeo, incluso gli accademici che assegnano i premi Nobel, abbiano distrutto l’anima dell’Europa e la stiano consegnando all’islam. Bat Yèor, come Magdi Cristiano è costretta a muoversi con la scorta: quando qualcuno subisce minacce di morte possiamo assumere che vale la pena di conoscere le sue parole.

 All’inizio della mia ricerca, l’antisionismo dell’Unione Europea mi sembrava un elemento accessorio della genesi e della creazione di Eurabia, e mi accingevo a ridimensionarne al massimo l’importanza, ma ben presto ho compreso l’inutilità di tale sforzo, poiché esso costituiva in realtà il nucleo essenziale, la colonna portante e la mente di Eurabia. Questa situazione è esplicitamente enunciata nella raccomandazione 11 del Progetto dei Fratelli Musulmani: «Adottare la causa palestinese nel progetto islamico mondiale, su un piano politico e attraverso la prospettiva del jihad, poiché si tratta della chiave di volta della rinascita del mondo arabo oggi».

Si potrebbe pensare che questo jihad non miri solo alla distruzione di Israele. E invece è stata proprio la questione palestinese lo strumento utilizzato dal jihad per disgregare l’Europa: essa ha costituito infatti il fondamento e l’impianto organico su cui è sorta Eurabia, il cuore dell’alleanza e della fusione euroarabe, germogliate sul terreno dell’antisionismo. Ora, i rapporti tra Europa e Israele, cristianesimo ed ebraismo, non investono soltanto l’ambito geostrategico, ma rappresentano il vincolo ontologico e la linfa vitale di tutta la spiritualità dell’Europa cristiana. Sono questo collante, questa spiritualità che oggi si disfano e si disintegrano in Eurabia, dove il culto della fine di Israele, alimentato dalla «palestinità», assicura il trionfo dell’ideologia dell’odio propria del jihad. Il palestinismo, nuovo culto europeo che ha preso il posto della Bibbia, sta dando forma, all’interno di Eurabia, ai miti fondanti del jihad: la supremazia morale e politica dell’islam.

Contrariamente a tutti gli altri, assegnati in Svezia, il Premio Nobel per la Pace è assegnato da accademici norvegesi: si tratta di cinque individui senza alcuna dote, fortemente politicizzati, che usano il “prestigio” e soprattutto il denaro legati al Nobel a chiunque sostenga le loro idee e dato che è il governo norvegese a nominare gli accademici il nobel  (minuscolo) per la pace (minuscolo) è semplicemente un mezzo perché il governo della Norvegia estenda al mondo la sua influenza. Il Premio Nobel per la Pace viene assegnato da una commissione di cinque persone scelte dallo Storting, il parlamento norvegese. Secondo la definizione che l’Unione Europea stessa dà di antisemitismo, molti dei membri del parlamento norvegese sono antisemiti. (Dr.Manfred Gesternfeld, Behind the Humanitarian Mask). Per chiarezza, basti ricordare la reazione dell’ex primo ministro norvegese Kare Willock alla scelta di Rahm Emanuel a capo dello staff presidenziale da parte di Obama: “Non è molto promettente (come Presidente, n.d.a) se sceglie un capo di staff ebreo” (29 marzo 2011 “Norway to Jews: You’re Not Welcome Here” di Alan Dershovitz, professore di diritto a Harvard).

La situazione svedese non è molto migliore, peraltro, e possiamo valutarla dall’assegnazione dei premi nobel per la letteratura, dati a personaggi sempre minori, se possibili anticristiani, antisionisti, cioè antisemiti, pieni di disprezzo per la civiltà occidentale.

La Comunità Europea dal 1973 ha come scopo la disgregazione della spiritualità ebraico-cristiana, la disgregazione spirituale ed economica dell’Europa e la sua islamizzazione.

L’islamizzazione avviene mediante tre passaggi:

1) Libanizzazione. Un’immigrazione massiva, cui viene riconosciuto il diritto di voto e cittadinanza così da cambiare il tessuto europeo e la maggiore demografia islamica fanno sì che l’islam sia passato da sparuta minoranza a  minoranza di enorme peso nel giro di 40 anni e rischi di diventare maggioranza.

2) Affiancamento della sharia al corpo giuridico. Un musulmano non può vivere dove le leggi dell’islam non regnino, perché non potrebbe seguirle. Nell’islam la divisione tra religione e Stato non può esistere. La pretesa degli immigrati, o più spesso di cittadini islamici di prima e seconda generazione, è che vengano a loro riconosciuto il diritto a leggi opposte al diritto europeo, raccolte nella sharia.

3) Aiuti economici. La crisi economica, che permetterà l’ingresso di massicci “aiuti” arabi, con ulteriore presa di possesso. Gli sceicchi del Qatar si sono offerti, dopo aver comprato le Olimpiadi, di fornire gli aiuti necessari per le fatiscenti periferie islamiche in Germania e Francia (periferie che sono degradate solo dove sono occupate da islamici). Sul Corriere della Sera di due giorni fa un’intera pagina al principe saudita che propone aiuti all’Italia.

Sono rimasta perplessa per i Premi Nobel ad Arafat, Rabin e Peres ma c’era la speranza che una vera pace potesse nascere, sono rimasta nauseata davanti agli scandalosi premi a Carter, all’Onu che ha un'Assemblea che permette a un uno Stato di dichiarare pubblicamente di voler distruggerne un altro, Al Gore,  El Baradei,  Ahtisaari e Barack Obama. Questo ultimo premio assegnato al gioiello del disastro economico e politico, alla più grandiosa rappresentazione, seconda solo alla defunta URSS,  di una burocrazia onnipotente, mostruosa, distruttrice di ricchezza, corrotta e stolta invece mi rende felice. Individui come Barroso,  Ashton, Olli Rehn, e anche Juncker, Draghi e tanti altri, grazie ai quali  paesi come la Grecia, la Spagna e per certi versi anche l’Italia ed il Portogallo sono messi a ferro e fuoco e sull’orlo della guerra civile,  una guerra fra poveri che, pieni di privilegi e vitalizi,  stanno permettendo  a banche ed alta finanza per speculare i risparmi di decine di Stati.

Grazie a questi individui ora l’Europa è un luogo dove l’antisemitismo è a livelli superiori che nel '34.

Il Nobel per la Pace 2012 viene assegnato all’Unione Europea per “gli oltre sei decenni di contributo all’avanzamento della pace e della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani”, proprio nel momento in cui l’antisemitismo dilaga in maniera travolgente attraverso stati e oltre confini, e interi stati sono sull’orlo della bancarotta e della guerra civile.

Perché sono contenta? Perché questo premio sta irritando. I disoccupati greci e anche quelli spagnoli ne hanno abbastanza di queste idiozie. Il premio arriva per cercare di rafforzare il prestigio di una Unione Europea e significa che il suo prestigio ha bisogno di essere rafforzato perché è allo sbando. Si stanno sostenendo gli uni con gli altri, mondo culturale, mondo economico e mondo politico, perché stanno sprofondando. E lo sanno.

Questa Europa senz’anima e senza attributi sta morendo.

Ora la necessità è ricreare gli spazi nazionali e che all’interno di questi spazi il mondo culturale si riempia di nuovo di amore per il cristianesimo e l’ebraismo. È il nostro turno.

****************
La verità non esiste più, trionfano la dittatura finanziaria ed islamica.
di Magdi Cristiano Allam
22/10/2012 07:56:22 (Il Giornale) - La verità non esiste più! La più grande perdita della nostra civiltà laica e liberale è la negazione della nozione stessa di verità. L'ideologia del relativismo è innanzitutto un'offesa alla ragione perché pregiudizialmente ci viene imposto di mettere sullo stesso piano tutte le religioni, le culture, i valori e persino i fatti a prescindere dai loro contenuti. Ciò si traduce nella tesi secondo cui la verità si deve coniugare al plurale. Di conseguenza noi abbiamo cessato di sapere chi siamo, perché anche l'A,B,C della nostra umanità, il nostro essere persona, famiglia e la vita stessa devono essere riformulati in modo difforme dalla nostra tradizione, cultura, civiltà e persino dalla scienza.

La verità è che in Siria è in atto un vero e proprio genocidio dei cristiani. Ma non solo nessuno lo dice, all'opposto i nostri mezzi di comunicazione di massa falsificano la realtà per giustificare il fatto che questo Occidente è schierato dalla parte dei carnefici dei cristiani.  Eppure si continua a volerci far credere che dobbiamo sostenere la cosiddetta “Primavera araba”, la più colossale menzogna mediatica della storia recente del Medio Oriente, dove i terroristi islamici vengono nobilitati come “attivisti”.

La verità è che Mario Monti sta distruggendo l'economia reale con oltre 224 mila imprese fallite nel 2012, la disoccupazione senza precedenti fino a registrare un milione di posti di lavoro in meno in pochi anni, il calo del Pil e della produzione industriale, il costo della vita che s'impenna tra crescita delle tasse, dell'Imu, dei carburanti, delle bollette di luce, acqua, gas e nettezza urbana, dei beni alimentari. Eppure i principali giornali e le televisioni nazionali, unitamente ai tre principali partiti in Parlamento che lo sostengono, ce lo rappresentano come il salvatore della patria e sin d'ora ci fanno intendere che verosilmente Monti sarà riconfermato dopo le elezioni anche se lui non si presenterà, perché in ogni caso chiunque vincerà, come ha chiarito il capo dello Stato Napolitano, dovrà ottemperare agli impegni sottoscritti con la Banca Centrale Europea. A che serve dunque andare a votare? Che fine fa la sostanza della democrazia se le elezioni si riducono ad un rito formale?

La verità è che stiamo subendo la dittatura della finanza speculativa che per riciclare una massa di denaro virtuale (titoli derivati, pari a 787 mila miliardi di dollari nel 2011), che è circa 12 volte il Pil mondiale (Prodotto Interno Lordo, pari a 66 mila miliardi di dollari nel 2011), impone e condiziona il potere politico ovunque nel mondo, così come stiamo subendo la schiavitù del signoraggio bancario della moneta, che è una tassa iniqua che dobbiamo pagare semplicemente perché abbiamo attribuito la prerogativa di emettere la moneta ai banchieri privati della Bce. Eppure chi ne parla tra coloro che ci governano e la stampa che sostengono i poteri finanziari forti? Nessuno!

La verità è che quest'Unione Europea è un'istituzione illegale, anti-democratica, guerrafondaia, perché impone le proprie leggi a degli Stati sovrani come se facessimo parte di uno Stato unitario, quando nel diritto internazionale un'istituzione sovranazionale non può emettere leggi vincolanti per i suoi membri; perché i poteri esecutivo e legislativo sono detenuti dalla stessa istituzione della Commissione Europea; perché i suoi membri hanno partecipato a quasi tutte le guerre che ci sono state dal dopoguerra e hanno recentemente promosso la guerra in Libia. Eppure le è stata assegnata il Premio Nobel per la Pace! è un oltraggio alla verità!

La verità è morta e trionfa la menzogna! Ci stiamo irresponsabilmente assoggettando alla dittatura ideologica degli islamici sostenendo che l'islam e il cristianesimo sono la stessa cosa, che i Fratelli Musulmani e la Democrazia Cristiana sono la stessa cosa, che il terrorismo islamico e la resistenza dei partigiani sono la stessa cosa. Ci stiamo irresponsabilmente sottomettendo alla dittatura finanziaria convincendoci che dobbiamo fare penitenza dopo aver vissuto da spendaccioni al punto da accettare di sacrificare la nostra vita per salvare l'euro. Così facendo stiamo perdendo la vita, la dignità e la libertà. La nostra salvezza dipenderà dalla nostra capacità di recuperare la ragione e riesumare la verità. Viva la verità! twitter@magdicristiano

****************
Ue: 800 cittadini europei combattono a fianco dei ribelli siriani.
di \ www.imolaoggi.it
22/05/2013 14:27:18 22 MAG – Circa 800 cittadini europei combattono attualmente in Siria a fianco dei ribelli contro il regime di Bashar al Assad. Lo scrive Le Figaro, citando stime di un diplomatico dell’Ue, confermate da un dirigente dell’opposizione siriana. Tra i combattenti, di cui alcuni hanno raggiunto le fila del gruppo jihadista Jabhat al Nusra, ci sarebbero un centinaio di francesi, altrettanti britannici, 50-70 belgi, numerosi tedeschi per lo piu’ di origine turca, irlandesi, kosovari e danesi.

Siria: Nelle milizie islamiche ci sono oltre 100 europei che hanno risposto a chiamata al jihad.

Siria, vescovo Aleppo accusa Usa e denuncia: islamisti anche dal Belgio.

Minacciati dai combattimenti, una quarantina di loro ha cominciato a fuggire in Turchia. Ma il loro eventuale rientro in Europa, dopo un addestramento estremista, preoccupa i servizi antiterrorismo. L’ultima stima di combattenti europei in Siria, fornita un mese fa dal coordinatore dell’antiterrorismo Ue, Gilles de Kerchove, parlava di 500 persone. (ANSAmed).

CHISSA’ SE GLI 800 EUROPEI SONO FRA QUESTI.

**********************
Olanda riconosce la poligamia: celebrata la prima unione legale.
di VoxNews 22/05/2013 20:14:51 E’ l’esito logico dell’approvazione delle unioni omosessuali. Venerdì scorso in Olanda è stata riconosciuto ufficialmente il primo caso di poligamia “legale” in Europa. Victor de Brujin (46 anni) ha sposato sia Bianca (31 ani) che Mirjan (35 anni) in una cerimonia davanti a un notaio che ha registrato la loro unione civile.

“Amo sia Bianca che Mirjam, così le sposo tutte e due”. Questo ha dichiarato Victor de Brujin di 46 anni. E così l’Olanda fa un altro passetto verso il baratro. Lui le “ama” tutte e due.

Già coniugato con Bianca, due anni fa ha incontrato Mirjam in una chat. Lei ha lasciato suo marito per sposarne un altro già sposato.

“Mirjam e Bianca sono bisessuali. Con due donne eterosessuali sarebbe stato più difficile”. Insomma, un “triello”. E d’ora in poi saranno possibili tutte le combinazioni a piacere, come un gioco – un triste gioco – ad incastro.

“Un matrimonio fra tre persone non è possibile in Olanda, ma un’unione civile sì. Siamo andati dal notaio, vestiti da sposi, e abbiamo scambiato gli anelli. Pensiamo che questo sia solo un normale matrimonio”.

Olanda e Belgio sono stati i primi Paesi a dare pieni diritti di matrimonio agli omosessuali, aprendo così la strada a forme legali diverse dal matrimonio fra un uomo e una donna. Ecco, quando apri il vaso di Pandora, esce tutto. Non ci si limita ai matrimoni gay, perché una volta scritto per legge che “il matrimonio non è esclusivamente tra un uomo e una donna”, si apre la pertugio che poi diventa una voragine, da cui passa qualunque cosa. Diventa infatti impossibile, discriminare tutte le altre perversioni gusti e non permettere la poligamia, la pedofilia, l’incesto e il sesso con gli animali.
*****************

Soldato ucciso con machete a Londra.
di Ansa .
22/05/2013 20:32:51 Un soldato in servizio è stato ucciso da due uomini armati, che hanno urlato 'Allah Akbar'.

Orrore e paura nel pomeriggio a Woolwich, nel sud est di Londra. Un soldato in servizio è stato decapitato da due uomini armati di machete, che potrebbero essere integralisti islamici. La vittima è stata prima immobilizzata e poi uccisa. Durante l'attacco sono state utilizzate diverse armi, tra cui - si pensa al momento - anche un'arma da fuoco. I due uomini sono stati feriti dalle forze di polizia che sono subito intervenute.

Il fatto è avvenuto oggi pomeriggio a pochi metri da una caserma della Royal Artillery, reparto di artiglieria di sua maesta'. Secondo un testimone, citato da Sky News, l'uomo ucciso indossava una t-shirt dell'associazione di volontariato 'Help for Heroes', che aiuta i militari feriti in battaglia.

L'attacco sarebbe di matrice islamica. La polizia di Londra ha affermato che i due aggressori avrebbero cercato di filmare l'assassinio.

Secondo Bbc, che cita fonti governative, gli autori urlavano 'Allah Akbar'.

L'immagine di un nero con le mani insanguinate che impugna una mannaia e un coltello compare sul sito dell'emittente televisiva britannica Itv, che afferma di essere in possesso di un filmato in cui l'uomo, che si sospetta essere uno degli autori dell'attacco nel sud di Londra in cui un soldato è stato ucciso, parla guardando dritto nella telecamera pronunciando frasi come: "Nel nome del grande Allah, non smetteremo di combattervi".

Gli autori dell'attacco oggi nel sud di Londra in cui un soldato è stato ucciso "chiedevano ai passanti di fotografarli", secondo una testimonianza riferita dalla Bbc. Lauren Collins ha raccontato che era appena scesa da un autobus quando si è accorta che per terra giaceva il corpo di un uomo. Quelli che con tutta probabilità erano gli autori dell'attacco chiedevano intanto ai passanti di fotografarli.

Il ministro britannico degli Interni Theresa May ha confermato di essere stata aggiornata dal responsabile dei servizi di sicurezza (MI5) parlando di un episodio "barbaro e raccapricciante". E il primo ministro britannico David Cameron sarà di ritorno a Londra da Bruxelles già questa sera. Cameron è al momento in viaggio verso Parigi da Bruxelles dove ha preso parte al Consiglio europeo. è prevista comunque una conferenza stampa del primo ministro a breve a Parigi.
********************

Media e terrorismo: Allah è grande (e virtuale)?
di Domenico Naso
24/05/2013 09:47:17 http://www.intelligonews.it/media-e-terrorismo-allah-e-grande-e-virtuale/ - C’è qualcosa di agghiacciante e disturbante, nellla barbara decapitazione di un soldato inglese ieri a Woolwich. Non solo il gesto in sé, che ovviamente è raccapricciante, ma tutto il corollario di azioni e comportamenti da parte del commando terrorista che lo ha compiuto.

Uccidere a sangue freddo un uomo e poi chiedere a gran voce di essere filmato per andare sui notiziari televisivi o su internet, è forse il segno dei tempi sociali e mediatici che stiamo vivendo. Proprio in Inghilterra, qualche tempo fa aveva fatto molto discutere la serie televisiva Black Mirror, un inquietante viaggio attraverso le storture della società dell’immagine e dell’informazione in tempo reale.

E un episodio della serie (White Bear) narra proprio di pazzi assassini che amano farsi riprendere da inebetiti e insensibili cittadini, che seguono le “gesta” dei killer come automi guidati solo dalle videocamere dei loro smartphone. Un corto circuito socio-mediatico che, a quanto pare, ha infranto lo specchio della finzione scenica e ha invaso la realtà.

Il video esclusivo di ITV, che mostra l’assassino con il machete e le mani insanguinate che spiega il perché dell’attacco e pretende la ripresa televisiva, è il simbolo di una tragedia che va oltre il terrorismo. La matrice islamica dell’attentato è evidente, anche se resta da capire se si è trattato di un gesto poco organizzato o della realizzazione del piano di un’organizzazione più ampia, ma il salto di qualità mediatica è evidente. Non basta più, nemmeno agli efferati terroristi islamici, seminare morte e terrore per le strade delle nostre città.

L’omicidio eclatante e barbaro diventa quasi il mezzo, e non il fine. L’obiettivo finale è la visibilità mediatica. È la teoria warholiana dei quindici minuti di celebrità che travalica il pop e la società dell’immagine e diventa macabra rivendicazione di moventi ideologici o politici. È l’altro lato della medaglia della società dell’informazione in tempo reale e della rete globale. Tanti meriti, tanti contributi per migliorare la qualità della nostra vita, ma anche qualche variabile impazzita che può diventare una minaccia per la stabilità del sistema occidentale.
In Inghilterra, per adesso, regna un giustificato terrore. Ma prima o poi, passato lo shock, toccherà riflettere sugli effetti perversi di un sistema della comunicazione che forse ci sta sfuggendo di mano.

*******************

'Islam e Moschea', Magdi Allam: “il sindaco di Crema non conosce il significato dell'Islam, del Corano e della biografia di Maometto”
di Emanuele Mandelli
25/05/2013 10:08:44 da www.cremaonline.it - Crema - Sala dei Ricevimenti affollata per il passaggio cremasco dell’europarlamentare Magdi Cristiano Allam, ospitato dalla sezione locale della Lega Nord all’interno di una serata di discussione organizzata per parlare di Islam e della prospettiva di costruzione di una moschea a Crema.

La Bonaldi non sa di cosa parla
Ovviamente Allam durante la serata si è più volte riferito alla situazione locale: “Il sindaco sbaglia ad autorizzare la moschea e lo fa unicamente perché non conosce il significato dell'Islam, del Corano e della biografia di Maometto. Se si prendesse la briga di un serio approfondimento dei contenuti capirebbe che l'Islam più che una religione è un'ideologia”.

L’Islam non è moderato
“Un pensiero totalizzante che impone la violenza e il sopruso, il non rispetto dei cristiani e degli ebrei, oltre a considerare la donna come essere inferiore. Una non separazione fra elemento religioso e governo che porta come inevitabile conseguenza l'eliminazione dell'aspetto laico della società. Non esiste un Islam moderato, ma solo singoli musulmani moderati”.

Moschea o musalla poco cambia.
Sulla questione della reale denominazione della struttura ipotizzata a Crema, moschea o musalla, l’ex vicedirettore del Corriere della Sera è stato molto netto: “Innanzitutto è bene specificare che in entrambi i casi si tratta di sale di preghiera tra le quali non esiste differenza, se non per le dimensioni essendo la seconda semplicemente di dimensioni più ridotte”.

Uno sguardo a Londra.
Non sono mancati riferimenti ai recenti fatti di cronaca, in particolare sull’episodio di violenza avvenuto per le strade di Londra, con protagonisti due estremisti islamici: “Chi ha decapitato ieri il soldato britannico - ha affermato Allam - ha emulato Maometto che ha dato esempio su come ci si deve comportare con i nemici dell'islam”.

Le firme dei cremaschi.
Al termine della serata gli esponenti cremaschi della Lega Nord hanno annunciato che il prossimo 27 maggio depositeranno le firme raccolte in queste settimane di tutti i cittadini cremaschi che hanno voluto dire no all’ipotesi dell’insediamento in città di un centro culturale, moschea o altro luogo di culto afferente l’islam.